‘U vinǝ ca m’hèj dètǝ ( Il vino che mi hai dato)

‘U vinǝ ca m’hèj dètǝ. (Il vino che mi hai dato)

FILIPPO DI GIACOMO

‘U vinǝ ca m’hèj dètǝ s’è fattǝ acìtǝ. (Il vino che mi hai dato s’è fatto aceto)

Chǝsé pǝcché? (Chi lo sa perché? )

Foršǝ é pǝgliètǝ g’arija (Forse ha preso aria)

quannǝ haggǝ travasètǝ ‘nda candinǝ.(quando l’ho travasato nella cantina.)

M’ha dittǝ ‘u prévǝtǝ ch’é stuortǝ’u mussǝ (Me l’ha detto il prete che ha storto il muso)

‘ndraméndǝ ca mǝ ‘nvurchièvǝ a forzǝ (nel mentre mi infilava a forza)

h’ostiǝ ngannǝ sop’a vutèrǝ. (l’ostia in gola sull’altare.)

Mǝ pèrǝ nu muzzǝchǝ strènǝ-haggǝ azzǝnnètǝ- (Mi pare un po’strano- gli ho accennato-)

‘mbarǝ ca c’è misǝ mènǝ ‘u sacrǝstènǝ (Forse ci ha messo mano il sacrestano)

pǝ tǝ fè ‘u dǝspiettǝ, chi ‘u sèpǝ? (per farti il dispetto, chi lo sa?)

Dicǝ ca si’ taccagnǝ e ‘a ‘mbumba bona (Dice che sei taccagno e il vino buono)

nonn’a fèj assaggè a nisciunǝ! (non lo fai assaggiare a nessuno!)

Filippo Di Giacomo, agosto 2021©

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi