Gli amici democristiani ricordano Romualdo Coviello

La scomparsa di Romualdo Coviello avvenuta ieri mattina in Roma, ha suscitato grande sconcerto nel mondo politico lucano. Scompare un protagonista di primo piano della storia della Basilicata. Romualdo, come amabilmente veniva chiamato da tutti, è stato per lunghi anni Consigliere regionale, Assessore all’Agricoltura e Presidente del Consiglio Regionale. Le sue qualità umane, politiche e professionali lo hanno poi proiettato verso il seggio senatoriale dove ha degnamente rappresentato i lucani nel parlamento italiano.

Un democristiano autentico che ha scritto una parte consistente della storia di questa regione.

Peppino Molinari cultore di storia politica locale, intrattiene e coltiva quotidianamente rapporti di amicizia con tutto il territorio lucano, tanto da risultare in più occasioni il collante che lega ancora a distanza di anni rapporti con e tra democristiani.

Anche in questa triste occasione, Peppino Molinari ha chiesto ad alcuni amici e protagonisti della Democrazia Cristiana lucana di tracciare, ognuno per la sua parte, un ricordo che a seguire vi proponiamo:

Affettuoso e riconoscente il ricordo di Peppino Molinari:

Romualdo Coviello e Peppino Molinari

“CIAO ROMUALDO COVIELLO sei stato un grande politico, hai creduto nello sviluppo della Basilicata soprattutto nell’agricoltura, da docente universitario sei stato un innovatore.

Con passione politica e con una visione moderna dei problemi spesso anticipavi tutti. Sei stato un grande democristiano aperto sempre al nuovo ed al contributo coerente dei valori cattolici democratici.

E’ stato un onore ed un privilegio averti conosciuto e frequentarti, ora buon viaggio riposa in pace porteremo nel nostro cuore il ricordo di un vero politico”.

Mario Di Nubila ricorda il fraterno amico:

Mario Di Nubila – P. Molinari – Romualdo Coviello

“La perdita di Romualdo Coviello dà il ricordo, grato seppur triste, di un amico fraterno, con il quale ho condiviso intense esperienze politiche ed istituzionali, oltre che umane. Mi piace ricordare di lui la capacità di vivere ed esprimere la passione politica, l’impegno ‘’contagioso’’ che trasmetteva nella ricerca, spesso difficile, di soluzioni a problemi delle nostre comunità.

Amava misurarsi, con vigorosa capacità, nella condivisione e nel contrasto politico con abilità ed efficacia. La lunga comunanza di esperienza nel Partito D. C. e nella ‘’componente’’ di Base rafforzava i nostri rapporti, sempre improntati a stima e ricerca, di condivisibile finalità.

La scomparsa, immatura, di Romualdo lascia nel ricordo un grande dolore.”

L’amico e compagno di partito Pasquale Lamorte:

 

“Sconcerto e tristezza si provano per la perdita di Romualdo Coviello. Amico caro da cui ho imparato molto a cavallo degli anni 70, quando viaggiavamo insieme per Bari, io studente universitario e tu assistente, mentre ero impegnato nelle prime esperienze politiche con la DC. Sei stato un esempio, caro Romualdo, di politico sempre in prima fila, arcigno nel difendere le tue opinioni e dotato di tanto calore umano. Infatti, quando le nostre posizioni si differenziarono all’interno del partito, non è mai venuta meno l’amicizia ed il rispetto reciproco, fino ai nostri ultimi incontri, prima che la malattia ti bloccasse. La tua azione politica nella DC e l’impegno da amministratore hanno lasciato un segno indiscutibile. Ti accompagni nell’estremo viaggio l’affetto e la preghiera di quanti ti hanno conosciuto ed apprezzato. Addio Romualdo. R.I.P.”

Convegno DC – Colombo Forlani Lamorte e Coviello

Commovente e ricco di spunti personali il ricordo di Angelo Sanza:

“La mia storia di vita e quella di Romualdo si sono per molti anni accompagnate come fossimo della stessa famiglia. L’infanzia, l’università, i viaggi di studio, le famiglie e la grande Democrazia Cristiana hanno fatto di me e Romualdo due persone inseparabili. Ci volevamo bene, anche se i caratteri erano diversi. Ma la sua tenacia, la sua determinatezza mi aiutavano nel perseguire gli obiettivi. È stato un grande realizzatore. Amava questa nostra terra e l’ha accompagnata nello sviluppo dove era più ferrato. L’agricoltura era la sua passione! Frutto dei suoi studi e della complicità operativa del caro zio Decio Scardaccione. Politica fatta con intelligenza e dedizione. Questo è la testimonianza che ci lascia. Dovremmo tutti farne tesoro. Ciao Romualdo, ti voglio bene come quando combattevamo con i nostri saldi principi, insieme a tanti amici, battaglie per lo sviluppo della amata Basilicata. Tuo, Angelo”

Angelo Sanza e Romualdo Coviello

Tonio Boccia:

“Vivo un momento di dolore e di preghiera. Sapevo che il suo fisico da tempo lottava contro un male cattivo e ho coltivato la speranza che quella tenacia che contraddistingueva Romualdo ogni volta che c’era da affrontare un’impresa ardita gli avrebbe fatto vincere anche questa battaglia. Abbiamo trascorso gran parte della nostra vita insieme dai tempi del Movimento Giovanile della Dc (dai primi anni ‘60) fino all’esperienza parlamentare sul finire del primo decennio del nuovo secolo. In queste ore mi passano per la mente tanti ricordi e l’emozione è forte. Difficile ricordarlo con poche parole e il servizio che ha reso alla comunità, alla politica, alle istituzioni, alla Basilicata è così copioso che non basta lo spazio. Sintetizzo tutto in un applauso”.

Gianpaolo D’Andrea:

“Di Romualdo Coviello ci mancheranno la passione e la intelligenza. Dobbiamo essergli tutti grati per il servizio reso alla Basilicata e al Paese nella sua lunga esperienza di consigliere e assessore regionale, fin dalla prima legislatura, e di apprezzato parlamentare in una stagione intensa e complessa”.

Comizio con De Mita e Colombo

Vincenzo Viti lo ricorda così:

“Con Romualdo Coviello scompare uno dei migliori esponenti di una generazione politica espressione di quel Popolarismo democristiano che ha scritto le migliori pagine della vita pubblica in Basilicata. Ha saputo interpretare dal versante della prossimità i grandi temi dello sviluppo economico e della lotta alle disparità economiche e sociali. Persona colta e civile, fervida e generosa si è collocato dentro la tradizione della sinistra democristiana cooperando alla missione unitaria assolta dalla DC nella regione. È stato intellettualmente protagonista di un confronto che ha arricchito la vita civile di una società in piena transizione verso assetti moderni e avanzati”.

Franchino Vinci, nonostante la sua veneranda età, ha voluto partecipare a questo momento di ricordo:

“Viene meno l’amico fraterno che sin dal 1970, alla costituente regionale, io Assessore alla Sanità e Romualdo Assessore all’Agricoltura, fecemmo parte della prima giunta Regionale monocolore democristiana, presieduta da Vincenzo Verrastro. Romualdo era il più giovane della compagine, la sua competenza lo rendeva deciso, determinato e testardo nel difendere le sue posizioni volte sempre al bene comune. Anche nel Partito il suo protagonismo e le sue qualità politiche lo rendevano, di fatto, un leader capace di tenere alto il confronto dialettico, nel 1972 insieme a Scardaccione, Sanza, Martiello, Di Nubila ed altri amici ancora fondarono la corrente di Base. Con te perdiamo l’amico sincero, il politico illuminato e il colto docente.”

Romualdo Coviello

Antonio Potenza ricorda:

“Romualdo Coviello in qualità di Presidente del Consiglio Regionale, si è fortemente battuto a tutti i livelli istituzionali, per far riconoscere l’autonomia del Consiglio, dando un nuovo ruolo al Consiglio Regionale stesso. Posso testimoniare quale suo successore alla presidenza del Consiglio di aver potuto beneficiare dell’autonomia da lui voluta e sostenuta.

Si è sempre interessato ai problemi della città di Potenza, in lui abbiamo avuto un interlocutore vigile, un forte assertore della conoscenza, determinante è stato il suo apporto nella scelta della sede “Macchia Romana” dell’Università di Basilicata. Riconoscente della tua opera terrena, vicino alla tua famiglia nella preghiera, ti invio un saluto affettuoso, R.I.P.”.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi