Suhǝ pǝ ‘nu muméndǝ (solo per un momento) poesia

Suhǝ pǝ ‘nu muméndǝ

FILIPPO DI GIACOMO

A gh’juchè all’ammùccǝ

a staccǝ o alli bǝttùnǝ

a currǝ scàvǝzǝ

‘nzìgnǝ allu ‘mbrunénnǝ

com’a ‘nu pǝndìssǝmǝ

pǝ ‘nda ‘sti strìttǝhǝ

mutǝ e abbandunètǝ

mǝ pijacérǝ angórǝ mó

suhǝ pǝ nu muméndǝ

E séndǝ

Francavilla antica

i šcamàzzǝ d’i cristijänǝ,

e la vócǝ frišcä e bellä

‘i mammä mijä ca mǝ chiämǝ:

«Rǝcòglitǝ alla cäsǝ ben’i mammǝ

ca jé tardǝ, vién’a mangè…

‘na vitä ‘nnàndǝ ghèj pǝ gh’juchè.»

 

Solo per un momento

Filippo Di Giacomo

A giocare a nascondino/a stacce o a bottoni/a correre scalzo/fino all’imbrunire/come un indiavolato/in questi vicoli/muti e abbandonati/mi piacerebbe ancora adesso/solo per un momento;/e sentire gli schiamazzi della gente/e la voce fresca e bella/ di mia madre che mi chiama:/« Rincasa bene di mamma/ch’è tardi, vieni a mangiare…/una vita innanzi hai per giocare.»

(Filippo©digiacomo)

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi