Favette Fresche con le Bucce, Biete e Finocchietto Selvatico (Gungoo ch’i Jetë e u Fënucchjë Soavaggë)

La primavera ci regala sapori e colori meravigliosi ed è proprio in questa stagione che possiamo assaporare questo piatto semplice ma buonissimo. Qualche giorno fa, mi sono state donate delle favette che hanno stimolato da subito la voglia di assaggiare questo piatto della tradizione contadina, raccontatomi da colei che mi ha omaggiato di questo prezioso dono.

Elena Fucci

Queste fave, così piccole, si consumano con le bucce e per renderle molto più saporite, si aggiungono il finocchietto selvatico e le bietoline. Il connubio è meraviglioso ed il finocchietto non può mancare perché dona al piatto un sapore fresco e mediterraneo.

Questa ricetta, consumata fin dall’antichità, era considerata un primo piatto, diversamente da oggi che potremmo servirla come un ottimo contorno. La pianta delle fave, della famiglia delle leguminose era utilizzata già in epoca romana, essendo uno dei legumi più antichi, ne veniva fatto grande uso. Veniva coltivata in Europa e la sua storia è un intreccio fra riti e pregiudizi. Nel tempo, la fava passò da cibo delle classi facoltose ad alimento di sopravvivenza per le famiglie più povere.

 

Ingredienti
1kg di favette fresche
Un mazzetto di finocchietto selvatico
Un mazzetto di bietoline selvatiche
1 spicchio d’aglio
Peperoncino q.b.
Polvere di peperoni cruschi q.b.
Olio e.v.o. q.b.
Sale q.b.

Procedimento
Lavare bene i beccelli, il finocchietto e le bietoline. Con l’aiuto di un coltello, eliminare dalle favette, le estremità ed i filamenti laterali senza inciderle troppo per non farle aprire durante la cottura. Cuocere per circa 12/15 minuti in acqua bollente salata. Aggiungere il finocchietto e far cuocere per 4/5 minuti, unire le bietoline e continuare la cottura per altri 2 minuti. Scolare il tutto. In una padella, rosolare l’aglio nell’olio, aggiungere il peperoncino ed un cucchiaino di polvere di peperone crusco. Versare le favette, il finocchietto e le bietoline nel tegame dell’olio, regolare di sale e far insaporire per qualche minuto. Impiattare.

L’autrice oltre alla presente pubblicazione dispone di un blog personale, chi vuole esplorare le sue ricette può farlo cliccando QUI

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi