Verso Natale

L’inverno da’ il cambio all’autunno, le foglie morte dagli alberi disegnano un tappeto uniforme, giallastro talvolta rossastro. Piove con insistenza e la legna conserva il suo caldo profumo come di tabacco stantio, mentre il camino emana fumo che si confonderà con le nuvole grigie. Dicembre è tutto nella poesia di Gozzano dove il campanile scocca la mezzanotte santa.


Ma qui si avverte quella isteria da traffico, corrono verso l’altrove in una giostra a premi. Il Santo Natale è lontano dal fumo delle auto, oppure è soltanto nel grigio fumo del camino. È Natale, il dono lo aspettano tutti: è arrivare indenni all’altro giro di orologio, il 2024 porta il nuovo calendario. Questo è il regalo più ambito. Ci sarà un altro anno, e vige il sospetto che qualcuno o noi stessi abbiamo sprecato questo anno che è già al tramonto. Ma si può, si deve recuperarlo.

Il santo Natale riavvolge un altro nastro. Non ricordiamo più quando siamo usciti da quel cono d’ombra, in quel limbo di farina e zucchero filato, prima che ci svelassero che Il Babbo vestito di rosso era solo una invenzione degli adulti per tenerci più buoni.

L’età dell’innocenza è vaga chimera, avvolta nei sogni. Natale da sentire. In fondo, al freddo e al gelo… e vieni in una grotta.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi