Il nuovo Consiglio regionale non è stato eletto dalla maggioranza degli elettori lucani, sconfitti e mortificati dai competitors politici

La prima doverosa ed amara constatazione è la elezione del nuovo Consiglio Regionale da meno del 50% degli elettori lucani; quindi saremo governati da una minoranza della maggioranza degli elettori Lucani.

Se questo non inficia tecnicamente il risultato elettorale, dimostra però -inequivocabilmente- che la maggioranza dei Lucani disapprova fortemente la classe dirigente sia del centrodestra che il centrosinistra.

Proviamo a capire, per induzione, quali possano essere state le cause di un simile risultato che deve far riflettere senza “tifoserie” e supponenze assai inopportune e fuori luogo in questo momento.

La storia insegna che mai la vittima può essere salvata dal suo carnefice. Teorema applicabile anche alla politica.

E’ accaduto che i responsabili del fallimento socioeconomico che affligge da anni i Lucani, consolidato dal governo regionale di centrodestra, hanno preteso di somministrare ricette risolutive con un “vecchio” travestito da “nuovo”: mi riferisco alla tentata imposizione di Chiorazzo quale candidato Presidente che, a prescindere dal sollevato conflitto di interessi, non rappresenta certamente il nuovo politico, come spiegato dalla stampa. I proponenti hanno capoticamente ignorato la contrarietà a tale ipotesi sia di movimenti e partiti della stessa coalizione di centrosinistra che di associazioni espressione della società civili. Si è quindi trattato di una candidatura fortemente divisiva voluta e sostenuta dalla nomenklatura del PD: Speranza, Boccia, Bubbico, De Filippo, Santarsiero, Folino & C..

Imposizione venuta meno dopo mesi di logoranti traccheggi politici che hanno spaccato il PD, il M5S e allontano associazioni e movimenti ben disposte a creare un’alternativa politica progressista credibile e vincente in grado di battere il centrodestra conservatore.

In extremis, è stato designato candidato Presidente Piero Marrese, il quale -onestamente- non poteva fare di più, anzi ha fatto buon viso a cattivo gioco facendo campagna elettorale insieme a tifosi di Chiorazzo, la cui candidatura ha creato aspre divisioni. Divisioni che hanno provocato una insolita transumanza di partiti -storicamente di centrosinistra- verso il centrodestra, accolti a braccia aperte; mi riferisco ad Azione e Italia Viva fortemente contrarie a Bardi, poi diventate alleate di Bardi.

Consiglio Regionale della Basilicata

Ora assistiamo a spiritosaggini fuori luoghi, politicamente prive di pregio: Chiorazzo il più votato. Non è difficile ipotizzare i motivi, ma questo fa aumentare i malumori nell’area progressista, e non solo.

Alla luce di quanto accaduto nella fase preelettorale e dei risultati delle urne, nessuna delle forze in campo ha vinto, mentre gli unici veri sconfitti sono ancora una volta i Lucani, purtroppo, che devono trovare la forza di affrancarsi da un giogo politico non più sopportabile.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi