Pasqua per risorgere nella quotidianità e nella normalità della vita

Carissimi fratelli e sorelle, lettori, vi annuncio la gioia della Resurrezione di Gesù e vi auguro i frutti della Santa Pasqua. La   Parrocchia di Francavilla in Sinni, con la guida del Sacerdote Don Franco Lacanna,dei collaboratori e dei laici impegnati, ha percorso il cammino della Quaresima per giungere alla Salvezza della Vittoria sulla morte della Domenica della Resurrezione. Tutto questo è cultura e tradizione che tutti vivono eppure c’è altro: Conosciamo il Salvatore.

Gesù non è un mito, non una divinità che si traveste da uomo, Egli nasce con l’uomo e vive da uomo, pur essendo perfettamente Dio. Si fa uomo che insegna la via della salvezza e capovolge gli schemi dell’esistenza della sua epoca: Prega nel deserto per quaranta giorni, viene tentato da satana che prova a sedurlo per sottometterlo con la sua superbia; Gesù invita la donna samaritana a lasciarsi amare da Lui, per ricevere il suo perdono e ricevere un fiume d’acqua viva che la disseta per sempre; ridona la vista al cieco nato; Piange davanti alla tomba di Lazzaro e comanda che riabbia la vita. Le ultime azioni del Maestro sono queste e sono considerate così dannose da decidere di ucciderlo. Si pensa, addirittura, di uccidere anche Lazzaro per evitare che altri credessero che Gesù fosse il Messia!

Così mentre Lui, come tutti, viene a Gerusalemme per festeggiare la Pasqua degli ebrei, altri decidono che è l’occasione del suo arresto e della sua condanna per evitare che contaminasse il popolo. Si approfitta della debolezza di Giuda per farselo consegnare. Giuda pensa che trenta monete sono buone e può essere l’occasione perché il maestro dimostri a tutti di essere veramente giusto, tanto basterà una sua parola per conquistare la fiducia di tutti. Gesù, però, non compie miracoli su di sé e si lascia condurre come agnello al macello, si lascia bastonare per pagare i nostri errori, i nostri peccati di poca fede, di lontananza da Dio, si lascia flagellare per noi, versa fino alla sua ultima goccia di sangue perché noi possiamo essere salvi, riscattati, nessuna colpa è superiore al suo riscatto.

Con gioia, meditiamo su questi eventi e su questa persona, Figlio di Dio, al nostro fianco sempre, rivolgiamoci a Lui con amicizia, con fiducia, facciamoci aiutare, accettiamo questa sfida ….E’ il momento di cambiare vita, di trasformare la tristezza in gioia. E’ il momento di fare questa esperienza: Gesù entra nella nostra vita e rinnova tutte le cose……..il pensiero, le emozioni, i problemi, le ansie e le speranze di tutti coloro che …….avranno letto questa riflessione ed accettato questo augurio.

 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi