Meeting Nazionale delle Scuole per la Pace, Vito De Filippo:

Meeting Nazionale delle Scuole per la Pace, De Filippo:

Vito De Filippo Sottosegretario di Stato

“La parola è una potentissima arma di pace.  Linee Guida documento importante aperto al contributo di tutto  il mondo della scuola”

“Una potentissima arma a favore della pace è la parola. Come ci insegna Papa Francesco e come ci dimostra il Meeting Nazionale delle scuole per la pace, che noi sosteniamo con entusiasmo e convinzione, la parola può essere virtuosamente immessa nelle scuole”.

Così il Sottosegretario all’Istruzione, Vito De Filippo, intervenendo all’evento organizzato presso la Sala della Comunicazione del Miur nell’ambito delle due giornate del Meeting Nazionale delle scuole per la pace. L’incontro con gli studenti è avvenuto in contemporanea con altri appuntamenti presso il Ministero degli Affari Esteri, il Dipartimento per le Pari Opportunità, la Camera dei Deputati, il Campidoglio, la sede Rai di Viale Mazzini e il Centro Congressi Angelicum.

“La parola – ha aggiunto il Sottosegretario – servirà alle ragazze e ai ragazzi che in questi due giorni parteciperanno al Meeting per analizzare, riflettere, sviluppare e comprendere a fondo il concetto di pace, che nel corso dei lavori effettuati in classe è stato sviluppato attorno a sette valori, identificati da altrettante parole: non violenza, giustizia, libertà, pace, diritti umani, responsabilità, speranza”.

Nel corso dell’evento al Miur, al Sottosegretario De Filippo sono state consegnate le Linee Guida per l’Educazione alla pace e alla cittadinanza glocale: un testo frutto del lavoro di un gruppo di 162 insegnanti impegnati in un programma originale di formazione e ricerca, denominato “La pace si insegna e si impara”, svoltosi in Friuli Venezia Giulia dal 2015 al 2017.
“Le Linee Guida sono un documento importante – ha sottolineato De Filippo – perché aperto al contributo di tutte le docenti e i docenti, dirigenti scolastici che vogliono concorrere alla costruzione della scuola come bene comune e desiderano contribuire all’educazione e alla formazione delle alunne e degli alunni, delle studentesse e degli studenti, affinché ciascuna e ciascuno di loro possa essere ‘artigiano della pace’, per citare Papa Francesco, partecipando attivamente alla costruzione di un mondo più giusto, libero e solidale”.

Roma, 5 maggio 2017

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi