Napoleòn di Ridey Scott

Ei fu, declamava Manzoni nella sua 5 Maggio; ma è ancora, visto che su questa figura immortale si continua a scrivere e girare film, oltre 700 dal primo muto del 1927 diretto da Abel Gance con Albert Dieudonné, e poi con Marlon Brando e Rod Steiger, la divina Greta Garbo in Giuseppina. Dumas ad Hugo, una immensa epopea letteraria. Il corso Napoleone Bonaparte resta il personaggio forse più biografato della storia, per alcuni, secondo solo a Gesù. Ed è un biopic appena uscito sullo schermo, dallo sguardo acuto dell’ultraottantenne britannico Ridley Scott il quale, nella sua lunga carriera, ci ha abituati ad un cinema visionario quanto palpabile, attraente per introspezione e potenza scenica. E il suo Napoleòn resta incentrato sul politico, sullo stratega e soprattutto intimista, non senza richiami ad un certo machismo: è deprecabile lo schiaffo alla sua amata Giuseppina quando le impone pubblicamente di firmare il divorzio.

Napoleon di Ridey Scott

Tra spettacolari battaglie e ossessioni amorose, i milioni di morti causate, Scott ci conduce in oltre due ore e mezza nell’epopea napoleonica, che dalla Restaurazione a Waterloo e quindi all’esilio a Sant’Elena, pone le basi della nascita della storia moderna. Erede della Rivoluzione francese, Scott ce lo propone all’esordio in Piazza della Concordia durante l’esecuzione alla ghigliottina di Maria Antonietta. Con una eccellente Vanessa Kirby nei panni della amata Giuseppina, moglie attraente quanto fedifraga, il film non manifesta pause, sebbene risenta di una certa fretta narrativa, con salti biografici volutamente imposti. Ma al regista non interessa entrare nella esposizione storica più fedele, interessa trattare l’umanità e paradossalmente la fragilità di una figura che al mondo ha offerto la supponenza e l’egoismo senza tregua.

Il parvenu che si impone senza scrupoli nella più alta borghesia fra il Sette-ottocento francese, ben esposto nei costumi e nelle ambientazioni con una livida fotografia. Appare pressoché perfetto nei panni dell’Imperatore Joaquin Phoenix, il “Jocker” e attore “alleniano”, impareggiabile multiforme e versatile (qui anche fra i produttori insieme al regista, da oltre 200 milioni di dollari). Ridley Scott rimane sul solco che lo caratterizza fin dal suo primo film “I duellanti” (1977) tratto da Conrad. Qui descrive (su sceneggiatura di David Scarpa) il militare fin da quando è sottotenente, che sconvolse il mondo dal Manzanarre al Reno fino alle piramidi e alla autoincoronazione in Notre Dame. Eppure, davanti a Giuseppina rimane un uomo perdutamente innamorato. Un uomo solo che pure in marcia verso Mosca, ha pensieri solo per lei. Mentre in esilio a Sant’ Elena pronuncerà: France armée, téte d’armée, Josephine.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi