A Giovanni Sica

Giovanni Sica
Giovanni Sica

Mi sono ritenuto sempre un uomo fortunato, potevo vantarmi di aver incontrato, conosciuto ed apprezzato, nel mio cammino un vero signore, un galantuomo, oserei dire, sicuro di non esagerare e neanche di enfatizzare, di aver incontrato un nobiluomo, nobile di animo, appartenente ad una categoria di persone, ormai, in via di estinzione.

Più ti frequentavo e più ti apprezzavo e si rafforzava in me la consapevolezza di una così grande fortuna.

Chi ti ha conosciuto sa bene cosa intendo dire; per chi non ha avuto il privilegio di conoscerlo, invece, voglio presentare un amico e dire chi era Giovanni Sica.

Quest’uomo, ha rappresentato una fonte di valori umani e professionali, a cui tutti abbiamo attinto con naturalezza, perché la discrezione e la semplicità che lo hanno contraddistinto lo hanno reso persona affabile, socievole, disponibile ed espansivo con tutti, insomma un vero gentiluomo.

Giuseppe Di Giacomo
Giuseppe Di Giacomo

Era uno che amava dare in semplicità e gioia, incarnando la parola di Dio “c’è più gioia nel dare che nel ricevere”.

Ero poco più che ragazzo quando ho incontrato Giovanni Sica, da lui ho appreso tante cose, è stato per me un vero maestro di vita, ha segnato la mia crescita in ogni aspetto, sia essa lavorativa che umana.

Senza accorgermi, la sua alta figura, è stata presente in me in molti eventi della mia vita. Ha saputo con i suoi modi autorevoli e mai autoritari distillare, con equilibrio, saggezza e ponderazione.

Non mi sono mai sentito abbandonato, anche quando ha occupato altri ruoli che lo hanno portato in altri luoghi, perché sapeva assicurare la sua vicinanza e la sua disponibilità, non solo a me ma a tutto il gruppo da lui creato.

Eravamo un gruppo, a cui Giovanni Sica ha assicurato insegnamenti e caratteristiche tali da renderci unici e riconoscibili come il suo gruppo, per il nostro modo di rifarci sempre a lui.

Uomo amorevole, pronto ad accogliere le nostre confidenze e a confortarci nei momenti difficili con esortazioni che ci spronavano a dare sempre il meglio di noi stessi.

Questo suo modo di essere ha fatto crescere in me la consapevolezza di avere a che fare con un uomo forte, pur nella sua dolcezza.

Mai mi sarei aspettato, da questo uomo forte, che qualche anno fa potesse cadere vittima di un brutto male.

Ancora una volta, però, mi sono dovuto ricredere, perché, nel mentre si cercava di confortarlo ed incoraggiarlo da buoni amici, egli ci mostrava la sua pacata forza rassicurandoci e dimostrandoci che niente era cambiato, che era sempre la stessa persona capace di combattere con la forza e la determinata calma che ha contraddistinto il suo relazionarsi con noi e con il mondo intero. Anche in questa vicenda, è stato d’insegnamento e di esempio per come si affrontano i grandi temi della vita.

Sei stato davvero bravo, come sempre, nella riservatezza e nel silenzio, con la calma e la serenità hai affrontato e sconfitto quel mostro che ti voleva rendere inerme.

Giovanni Sica
Giovanni Sica

Siamo rimasti sempre in contatto, hai saputo trasmettermi quella serenità necessaria per affrontare le grandi sfide della vita, risultatami utile quando anche la mia famiglia è stata insidiata da questo nemico invisibile. Giovanni secondo me è nato per dispensare doni particolari.

Quando è sembrato prevalere la rabbia, lo sconforto per la tua prematura scomparsa, è riaffiorata in me la consapevolezza e la speranza che, in fondo, niente può separarci se in noi rimane il ricordo e il perpetuarsi dei tuoi valori, che ti renderanno tangibile in ciascuno di noi, perché quel filo che ci ha unito in vita non può spezzarsi con la tua scomparsa.

So che siamo uomini non per il nostro fisico, bensì per lo spirito, che è fatto di intelligenza e di sapienza e di tanti altri valori che ci rendono immortali e simili a Dio, perciò, caro Giovanni, grazie per tutto ciò che mi hai dato, per tutto ciò che ho ricevuto da te, io ti ricorderò sempre, sarai sempre nei miei pensieri e nelle mie preghiere.

Sono certo che mi sarai vicino ora più che mai, come io lo sarò a te.

  1. L’aver voluto ricordare Gianni è espressione di grande sensibilità, caro Giuseppe. Lo hai fatto molto bene: con il cuore!
    Chi lo ha conosciuto ritroverà certamente nel tuo tratteggio il ricordo che conserva di lui.
    È stato un Uomo.

  2. Grazie Peppino, facendo parte di quel gruppo che TU hai citato, non posso che associarmi al tuo pensiero. Pugliese Raffaele

  3. Anche con me è stata sempre una persona squisita, un sorriso che ti metteva subiti a tuo agio. UN GRANDE GRANDE UOMO.
    L’eterno riposo dona a loro, o Signore,

    e splenda ad essi la luce perpetua.

    Riposino in pace.

    Amen
    Pasquale D’Affuso

  4. quel tuo scritto riflette in mè la consapevolezza di aver vissuto un periodo importante della mia vita di crescita umana e morale a fianco di un grande uomo con uno spessore così alto che mi è servito per la mia esistenza e da me trasmesso,nei limiti, verso il prossimo. Grazie Gianni

  5. Ho condiviso con Giovanni un pezzo della mia vita professionale e ritrovo esattamente l’uomo che hai descritto. Il suo ricordo resterà indelebile.

  6. Non si può far altro che condividere ed associarsi alle citazioni di Giuseppe, quando una persona squisita come Giovanni ( da me trattato sempre come Signor Sica), in segno di gran rispetto, lascia un ricordo indelebile, vuol dire che, indipendentemente dalle qualità professionali, nella vita ha donato un pezzo del suo cuore agli altri!!!

  7. E’ stato il miglior fratello che Nostro Signore mi abbia regalato. Per poco ma per quel tanto che è bastato ad apprezzare la sua autorevolezza. Autorevolezza che si traduceva nel quotidiano in saggezza e fratellanza. Pronto a dare la giusta chiave di lettura alle problematiche non soltanto lavorative.
    Vivrò con il rammarico di non vederlo più fisicamente ma vivrò con altrettanta sicurezza che nel momento del bisogno Giovanni mi sarà presente.

  8. Grazie di cuore per il ricordo di papa’ e per i commenti sinceri e affettuosi.In questi giorni continuiamo a ricevere attestati di stima e affetto che ci consolano della perdita.I colleghi che hanno commentato e anche tutti gli altri sono stati una seconda famiglia per mio padre.Un abbraccio a tutti voi.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi