Si è spento AZUMA, l’artista giapponese grande amico di Matera

 

Piazzetta Pascoli
Piazzetta Pascoli

E’ stato un grande amico della città dei Sassi, il maestro Kengiro Azuma che si è spento, all’età di 90 anni nella notte tra venerdì 14 e sabato 15 ottobre, a Milano.

Tra i maggiori e più amati artisti dell’arte contemporanea internazionale il maestro Azuma ha avuto con la Basilicata un legame a doppio filo iniziato nel 2010 con il Musma con una mostra a lui dedicata, (le grande mostre dei Sassi) promossa dalla Fondazione Zetema e dal Circolo culturale La Scaletta, curata da Giuseppe Appella, anno in cui la Regione Basilicata acquista la grande “Goccia” scultura in bronzo fuso collocata davanti a Palazzo Lanfranchi nella suggestiva Piazzetta Pascoli.

Ma numerose sono le opere donate dal maestro al Museo della Scultura di Matera, a partire da uno dei tre cancelli di ingresso, il cancello Porta della vita, installato nel 2010, perfetta sintesi della sua filosofia artistica. L’alternanza dei vuoti e dei pieni, il nulla e il tutto indivisibili e complementari, l’azione della mano dell’artista e di quella della natura sulla materia, tutto concorre a creare opere di lineare purezza, propagatrici di energia vitale.

A Matera tenne a dire che “la vita dell’uomo è come una goccia d’acqua che nasce in un attimo e svanisce in un attimo tanto che anche il cambiamento di forma della stessa goccia, è così repentino da essere impercettibile alla vista dell’uomo“. Ma il Maestro Azuma in questa sua “breve” parentesi terrena ha lasciato davvero tanta saggezza, tante opere e tantissima umanità.

Kengiro Azuma
Kengiro Azuma

Nato il 12 marzo 1926 a Yamagata, in Giappone, si arruola come kamikaze a 19 anni, ma il giorno in cui è pronto a sacrificarsi per la patria e per l’imperatore gli Americani lanciano la bomba su Hiroshima. Forte è la delusione del giovane Azuma che deciderà da quel momento di dedicare la sua vita all’arte. Nel 1956 arriva a Milano; a Brera frequenta per 4 anni i corsi di Marino Marini del quale, dopo il diploma, diventa assistente personale fino al 1979. A partire da questo momento l’arte di Azuma si allontana dal figurativo appreso dal maestro Marini e adotta un personalissimo linguaggio astratto, che costantemente guarda alla tradizione orientale e alla concezione filosofica Zen d’origine, con inevitabili richiami alla cultura occidentale d’adozione.
Ricordiamo inoltre la mostra organizzata al MUSMA nel 2011, 32 sculture realizzate a Matera nella bottega del caro amico Giuseppe Mitarotonda e nel forno Perrone, frutto dell’ininterrotto legame con l’artigianato, per lui che era figlio e nipote di artigiani del ferro. Numerosi sono stati i laboratori con gli studenti con i quali il maestro instaurava un rapporto esclusivo e di straordinaria empatia. La scultura La ragazza con colomba o Amicizia, donata dall’artista alla scuola P.G. Minozzi di Matera è il simbolo di questo indissolubile legame con le giovani generazioni.

«La scomparsa di Kengiro Azuma – ha commentato il Presidente della Fondazione Zetema Raffaello De Ruggieri – rappresenta la perdita amara di una personalità dell’arte legata a Matera da vincoli di vissuta amicizia e di partecipata cultura. Azuma, infatti, nelle sue frequentazioni materane aveva registrato l’energia scatenante della città, ricavando forti valori di emozioni e di ispirazione. Matera ha perduto così un altro autorevole compagno di viaggio nel suo percorso di costruzione di città culturale, in vista dell’imminente 2019. Per tale ragione, a nome della Fondazione Zetema e della comunità che rappresento porgo i sentimenti di profondo cordoglio ai suoi carissimi familiari».

Anna Giammetta
Anna Giammetta

«La scomparsa di Kengiro Azuma, che quest’anno aveva compiuto 90 anni – aggiunge il direttore del MUSMA Tommaso Strinati – rappresenta una perdita grave e dolorosa per il mondo della scultura contemporanea e soprattutto per la comunità materana, dove il maestro venne accolto con grande affetto e la sua presenza è e resterà viva. Confesso il rammarico di non aver fatto in tempo a conoscerlo di persona; Azuma resterà un punto di riferimento per la cultura contemporanea e per aver gettato un ponte tra la tradizione orientale e occidentale, un monito poetico al dialogo tra le arti e i popoli».

 

La cooperativa Synchronos, Mariella Larato, Brunella Miglio, Simona Spinella e Marcella Bruno, si unisce alle parole di cordoglio espresse dal presidente De Ruggieri e dal direttore Strinati e ricorda il maestro Azuma con assoluta riconoscenza.

fonte: http://giornalemio.it/cronaca/si-e-spento-azuma-lartista-giapponese-grande-amico-di-matera/

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi