Pensieri in libertà

Passeggiavo, un giorno di ottobre, senza meta, per Bologna, -città che io amo moltissimo per la sua bellezza, i suoi monumenti, il suo elegante e suggestivo centro storico, la sua storia, la sua cultura, la sua cucina-, quando la mia attenzione fu attirata da un cartellone murale che pubblicizzava una mostra.

Avv. Antonio Berardi

Mi colpì soprattutto la frase in esso contenuta; per la verità, non mi soffermai più di tanto, e me ne rammarico, perché solo successivamente ho appreso che in quei giorni si teneva a Bologna una mostra di disegni, acquerelli, incisioni e dipinti di Giovanni Poggeschi, sacerdote esemplare e affermato artista bolognese (1905- 1972), mostra che sarei andato a vedere volentieri.

A distanza di tempo, peraltro, non so nemmeno se la pubblicità si riferisse alla mostra di Poggeschi, o ad un’altra. Mi deviò, lo confesso, la fretta (viviamo in un mondo e in un’epoca dove tutto si svolge velocemente, in maniera esponenziale, quasi frenetica, dove gli eventi si susseguono e si intrecciano tra di loro).

Era una frase sibillina, enigmatica, di dubbia interpretazione, come lo erano i responsi delle Sibille. Una frase breve, suggestiva, intrigante:

“Il mistero segreto delle cose”

Di getto mi venne in mente una frase che faceva rima con essa. E, poi, subito dopo, un’altra, e un’altra, e altre ancora, finché venne fuori una filastrocca, pensata quasi per gioco, come un esercizio della mente, per scacciare i demoni della vecchiaia; una filastrocca contenente non soltanto modi di dire usuali, ma anche considerazioni personali, giudizi, desideri, speranze, aspirazioni, verità, risultanti dall’osservazione, dalla ragione e dalla meditazione.

Bologna

La sottopongo al giudizio dei lettori, e che non sia, mi auguro, un giudizio severo, tenuto conto che essa è stata pensata dans l’espace d’une promenade”.

Il mistero segreto delle cose.

Il profumo inebriante delle rose.

La gioia incontenibile delle novelle spose.

Il miracolo della vita e delle albe radiose.

La vita che ci ritaglia momenti lieti, ma che ci riserva anche esperienze amare, tristi e dolorose.

La caducità delle umane cose.

Il tedio infinito delle giornate nebbiose.

Le aspirazioni inappagate di affermazioni prestigiose.

La difficoltà di decisione nelle questioni spinose.

La perniciosa cupidigia degli onori e delle cose preziose.

La noncuranza per le persone superbe e sdegnose.

La problematica convivenza con le persone presuntuose, scontrose e rissose.

La dura condanna per coloro che commettono azioni indegne e delittuose.

L’umana solidarietà per le persone bisognose.

Il ripudio della violenza, delle liti futili, temerarie, pretestuose.

Una più partecipe, convinta adesione agli insegnamenti di Cristo e alle sue predicazioni religiose.

Gli allarmi inascoltati per le modificazioni del clima potenzialmente disastrose.

La speranza che le leggi non siano dettate nell’interesse di parte e che non siano tortuose e lacunose.

La necessità che le decisioni dei giudici siano più sollecite, affinché non siano, dall’eccessivo trascorrere del tempo, corrose.

L’anelito che cessino le stragi, i lutti, i dolori, causati dagli attentati e dalle bombe esplose.

Le vere ragioni, anche dei fatti manifesti e visibili, sono molto spesso nascose.

A luce della verità emerge soltanto a seguito della faticosa, ineludibile conoscenza delle cose.

 

Antonio Berardi

 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi