Barile: I° Festivale dell’Agro Alimentare Lucano

L’Associazione lucana del vivere e mangiare sano di Barile ha promosso in Piazzale Angelo Bozza 13 (largo Stazione FS) il Primo Festival dell’Agro Alimentare Lucano, sabato e domenica scorsi.

Il programma, legato alla esposizione dei prodotti agroalimentari dell’eccellenza lucana, dall’olio all’Aglianico alle produzioni caseari ed al grano, è stato introdotto dal presidente dell’Assolucana Ernesto Paternoster (produttore egli stesso) il quale ha fortemente voluto incentrare l’iniziativa sulla “Influenza dell’economia comportamentale nelle scelte d’impresa”.

La Prima Fiera di Barile è stata introdotta dai giovani delle Bande Musicali di Atella e di Melfi che hanno eseguito l’Inno alla Gioia e l’Inno nazionale di Mameli. Paternoster ha pure tracciato un breve quadro circa i riferimenti culturali per abbattere le disuguaglianze sociali; mentre il sindaco della cittadina arbereshe, Antonio Murano, nel suo saluto, ha evidenziato l’importanza di mettere sempre meglio in luce le produzioni agroalimentari, che nel Vulture rappresentano l’eccellenza: l’Aglianico, certo, ma anche olio e acque minerali e derivati del latte. Inoltre, l’importanza di rivalorizzare Monticchio, dove dagli anni ‘60 era in funzione una funivia (unica nel sud) che portava alla sommità del monte Vulture. Il parroco don Francesco di Stasi – Parrocchia Santa Maria delle Grazie ha offerto una propria benedizione alle iniziative, in un momento di particolare criticità, con un ricordo alle vittime di Genova. Il critico del Cinema (fondatore del CineClub V. De Sica – Cinit) Armando Lostaglio ha tracciato un breve excursus sulla importanza della formazione dei giovani con

“lo sguardo del Cinema fra crescita interiore ed economia: le caratteristiche economiche del prodotto cinematografico sono espresse dal concetto di film come “bene pubblico”, un bene comune di cui l’intera collettività possa far tesoro, sia in termini etici quanto didattici e di crescita individuale.”

Anche l’intervento del prof. Michele Pinto – preside emerito, con

“La lezione di don Lorenzo Milani”

ha inteso rimarcare l’importanza della cultura quale necessaria forza di crescita sia interiore che comunitaria, alla base del sacerdote di  Barbiana.                   

I° festivale dell’Agro Alimentare lucano

Nelle intenzioni della prima Fiera di Barile – sottolinea Paternoster – vi è alla base anche la raccolta fondi di beneficienza per due importanti iniziative:

“restaurare la statua di San Pietro in onore del luogo, la stazione Ferroviaria di Barile che, secondo la tradizione, ha offerto dimora al Santo all’interno di un ipogeo durante il suo viaggio attraverso la storica Via Appia, da Brindisi a Venosa a Roma. Ed inoltre organizzare, nell’Aprile 2019, per gli studenti della Scuola media di Barile, una gita a Roma per visitare il Parlamento, le Fosse Ardeatine e i Giardini Vaticani, luoghi di riflessione e di formazione culturale.

Adesione totale da parte delle associazioni delle altre associazioni di Barile, come la storica Sacra Rappresentazione e la Pro Loco.

Ufficio Stampa C.L.

info@assolucana.it                                                                            Barile, 21.8.2018

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi