Simme tutti capelluni (poesia in dialetto campano)

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

SIMME TUTTI CAPELLUNI

Antonio Giulio Covino

Pasqua v’a’ oltranza

a beneficio d’a gola e d’a panza:

robba doce e robba fina,

a’ faccia d’o viru’s e de l’insulina.

 

A’ dde’ barbieri sta scritto” chiuso”

E p’o taglio s’e’ perz l’uso.

Pili russi, biondi o bruni

simme tutti capelluni!

 

Ciavimm’arrangia!

 

Chi da’ ppiglio all’arte

usanno a forbice de’ sarte,

e chi fa cose strane

ca’ machinetta tosacane.

 

Ciavimm’arrangià!

 

Chi ricorre alla mugliera

E chi dice:”Tanto e’ primavera

la chioma la voglio arruffata,

tanto mo “adda passa’ a nuttata”!

A. G. Covino

Cca’ pero’ carnevale dur’assai

e cu sti maschere nn se fernisce mai:

“Forza …dateve curaggio!

Ca mo aprile… ca mo a maggio!

 

Si po’ vattimm’ o pugno

tutt’al piu’ sarrà a giuno”!

Oiccann.. oillann, sara’chist’anno,

ma nn se sape quanno!

 

Dice’ o’ scenziato:”mo ven’o cavero

fernisce o malato e pure o catavero!

Ma si l’omm nun se da na regulata,

nun’ passa chesta ca’ n’arriva nata!

 

AGC 20 Aprile 2020

Poesia recitata dall’autore il dr. Antonio Giulio Covino

 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi