Morto a 98 anni Giuseppe Dama, dirigente PCI e PDS, per anni Direttore di Frattocchie, fu stretto collaboratore di tutti i Segretari PCI, PDS e DS

Presentò il nuovo simbolo del PDS con Occhetto e fu lo storico estensore dei verbali della Segreteria di Botteghe Oscure


E’ deceduto a Rovereto (Trento) a 98 anni Giuseppe Dama, tra gli storici funzionari e dirigenti del Partito Comunista Italiano. Partigiano nei Gruppi di Azione Patriottica, i GAP, già direttore per quasi 10 anni, dal 1966 al 1975, dell’Istituto di Studi Comunisti ‘Palmiro Togliatti’ a Frattocchie, Dama fu lo storico estensore dei verbali delle riunioni della Segreteria e dei vertici di Botteghe Oscure, dal PCI fino ai DS. Fu anche presidente del consiglio di amministrazione della libreria Rinascita.

Giuseppe Dama, detto il “Bepi”, rigoroso e severo, ma poi sempre pronto alla battuta e all’ironia, dalla Resistenza al PCI, ha militato tutta la sua vita a sinistra, dal suo Veneto a Roma, nella sua “casa”, il PCI, poi nel PDS fino ai DS. E, nonostante i dubbi, aderì da semplice iscritto al nascente PD.

Bepi Giuseppe Dama

Dama era nato a Verona il 14 aprile 1923. Maestro elementare, poi studente di medicina, lasciò l’Università per poi impegnarsi in prima persona e giovanissimo nella lotta antifascista di Liberazione nazionale dal 1943, assurgendo poi a dirigente locale e nazionale di Botteghe Oscure.

E’ stato partigiano combattente nei Gruppi di Azione Patriottica (GAP), vice commissario della Brigata Verona, iscritto e dirigente dell’ANPI anche successivamente, a Roma.

Dapprima nella Segreteria del Comitato regionale del PCI Veneto, Giuseppe Dama fu, dai primi anni cinquanta ed a lungo, Consigliere comunale e Capogruppo del PCI al Comune di Verona, oltre che Segretario della Federazione comunista locale. Sono poi arrivati gli incarichi locali e nazionali di primo piano a Roma, anche nella Federazione del PCI della Capitale.

Soprattutto, all’inizio degli anni sessanta, Dama fu chiamato a Botteghe Oscure, a lavorare nell’Ufficio della Segreteria nazionale del PCI e alla Sezione Stampa e propaganda, un ruolo delicatissimo e centrale nella vita del partito.

Apprezzato dal Segretario generale Luigi Longo e dai vertici del PCI, Dama nel 1966 fu nominato direttore della famosa Scuola quadri del PCI: la sua attività per l’Istituto di Studi Comunisti ‘Palmiro Togliatti’ a Frattocchie, dove rimase fino al 1975, registra le sue molte lezioni e saggi, poi pubblicati, per gli allievi.

Giuseppe Dama fu al fianco di tutti i segretari del PCI e dei partiti successori, da Luigi Longo a Enrico Berlinguer, da Alessandro Natta a Occhetto a D’Alema e fu lo storico estensore dei verbali delle riunioni della Segreteria e degli organismi di vertice di Botteghe Oscure, dal PCI al Partito Democratico della Sinistra, fino ai DS, di cui in ultimo, fu anche presidente del Comitato di Garanzia.

Tra l’altro, con Occhetto, fu lui che presentò alla stampa il simbolo del nuovo PDS.

“Bepi” Dama fu per quasi vent’anni anche presidente del consiglio di amministrazione della libreria Rinascita.

Berlinguer Dama

La politica era, inoltre, occasione di affetto e amore: Dama è stato compagno di vita e, dagli anni settanta, marito di Anita Pasquali. Anch’ella dirigente nazionale del PCI, nell’allora Commissione femminile come vice di Adriana Seroni, e dell’Unione Donne Italiane, l’UDI.

La scomparsa della amatissima moglie, avvenuta nel 2017 a causa di una grave malattia, fu un serio colpo per Dama, quindi da quel momento ritiratosi nel nord Italia con i suoi familiari.

La famiglia comunica che le esequie di Giuseppe Dama avranno luogo in forma laica domani, mercoledì 28 luglio 2021 alle ore 17.00 a Rovereto (Trento), presso la Sala del Commiato del Cimitero di San Marco.

 

____________________________
Roberto Pagano

Ufficio stampa per la famiglia Dama

Mobile (+39) 329-21.53.370

338-20.28.657
ropag@yahoo.itropag2@yahoo.it

 

 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi