La giovane regista Helena Antonio premiata al Montecatini Shorts Film Festival

È stato appena premiato al Montecatini Shorts Film Festival, diretto da Marcello Zeppi, un corto di pochi minuti in grado di raccontare la vita oltre il torpore di un anno terribile, il 2020.

Armando Lostaglio

La giovane regista ed attrice Helena Antonio, londinese di adozione, sa cogliere tenerezza e candore, dedicando la rinascita da una vita, di nome Vita, sua figlia di pochi mesi.

“Colei che ha gli occhi aperti ad ogni luce
comprende ogni grazia di parola,
vive di tutto ciò che la seduce…”

Lo asserisce la poetessa Amalia Guglielminetti: la luce è il filo che conduce oltre le nebbie, in un racconto che non è un semplice racconto.

È l’amore in divenire di madre che apprende dalla sua creatura l’esperienza di una Vita che si fa sollievo, che si fa forza, per riuscire a balenare e andare oltre la pretesa di un anno che ha voluto il buio intorno a ciascuno di noi.

Heléna Antonio

La forza di una madre sta in un racconto breve e potente: la regia accorta e la voce calda sono il paradigma iniziatico che va oltre il tempo. Heléna Antonio, in questo saggio di grazia, sa unire impeto e tenerezza, in una spirale di bellezza che nel film rimanda al nostro liquido amniotico, a quel tepore che resterà dentro di noi. Perenne.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi