Cervicati e l’antichissimo Rito della Promessa data e la Porta del Cuore

Anticamente tra i riti del ciclo della vita, durante il fidanzamento, a Cervicati era consuetudine – “… per avvertire ed ammonre altri eventuali pretendenti che la fanciulla era stata promessa” – , da parte del giovane andare ad affiggere alla porta della fidanzata un ramo di fiori di pesco o di ciliegio, comunemente chiamato oggi “arco pasquale”.

Rito della Promessa

Il ramo rimaneva appeso, a testimonianza ed ammonimento, per un certo tempo, quale “segno” della promessa data”.

Usanza che si riscontrava anche in alcuni casali della Calabria Ultra in provincia di Reggio Calabria, e deriva dal folklore dell’antica civiltà greca.

Nel corso degli anni l’antico rito dell’arco viene fatto proprio dalla chiesa cattolica con l’usanza, il giorno di Pasqua, di porte fiorite, come simbolo di rinascita.

Rito della Promessa

Gli approfondimenti di questo rito potete trovarli nel capitolo dei riti nuziali di Cervicati, affrontato da Emila Lanzillotta, nell’ambito della pubblicazione “Rituali di nozze nella società tradizionale arbëreshe”, opera in tre volumi di circa 1500, pagine.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi