Un anno fa ci lasciava Dino Calciano

Dino è stato un punto di riferimento politico e non solo a Pisticci e in tutto il metapontino. Ma non nell’accezione con cui istintivamente saremmo portati a considerarlo con gli occhi del tempo di oggi. No, Dino era figlio di un tempo in cui la prepolitica incideva sulla e nella società e in cui la politica formava le coscienze anche con l’impegno quotidiano in realtà associative.

Dino Calciano –

Impegnato nell’Azione Cattolica locale e provinciale credeva molto nei giovani. Fondò il centro studi Gymnasium, ad esempio, e insieme al professor Mario D’Alessandro e al Dott. Autera e a tanti altri è stato fucina di idee e confronto sociale con la sua comunità proprio partendo dalla considerazione che Dino aveva dell’impegno civico.

Dino Calciano Angelo Sanza

Una realtà che nel deserto di oggi fa rimpiangere i tempi andati. La povertà, infatti, non è solo quella materiale, c’è una povertà culturale che si rispecchia purtroppo anche nella politica.

Da appassionato di calcio aveva contribuito a realizzare una importante realtà sportiva come la Polisportiva Cristo Re con Don Leonardo Selvaggi e altri amici.

Dino Calciano con Leoluca Orlando e Angelo Sanza

Militante democristiano della sinistra di base intuì prima di altri la necessità del cambiamento e del rinnovamento della DC. Era un visionario. Nel 1990 a Pisticci ancora si ricorda quando realizzò un importantissimo convegno sul futuro della DC pre tangentopoli con l’allora sindaco della primavera palermitana Leoluca Orlando.

Un convegno partecipatissimo che portò tanto entusiasmo. Consigliere e assessore comunale in diverse giunte democristiane da Polidori, a Giovanni D’Onofrio, a Rocco Grieco, consigliere e assessore provinciale, non rinunciava mai ad offrire il suo punto di vista, spesso critico andando anche in conflitto con esponenti del suo stesso partito .

Dino Calciano Leoluca Orlando

Allora il consiglio comunale di Pisticci era definito una sorta di “parlamentino” per la qualità dei suoi rappresentanti. Paradossalmente pur essendo un proporzionalista convinto in fondo fu un antesignano del bipolarismo e nel 1995 non esitò un secondo a schierarsi con Gerardo Bianco e con me nella costruzione del Ppi in Basilicata e dell’alleanza di centrosinistra.

Dino Calciano Peppino Molinari e Tina Anselmi

Con la lista della “bilancia” si rese protagonista di una esperienza civica importante grazie alla quale molti giovani di allora si avvicinarono alla politica, come ad esempio Salvatore Russillo.

Contribuì in maniera determinante alla vittoria di Pasquale Bellitti a sindaco di Pisticci e fu protagonista con Rosy Bindi di un bellissimo comizio a Pisticci centro. Ma proprio per la sua passione civica e per i suoi valori con il tempo crebbe in lui la delusione per questo centrosinistra lucano così distante da quello che immaginava lui schierandosi in una posizione di centro ma comunque mai a destra.

Dino Calciano

Aveva capacità di sintesi e soprattutto era una persona perbene, un galantuomo.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi