Rotonda: questione Casa della Comunità “Sparti ricchizza riducisi a povertà”

Sparti ricchizza riducisi a povertà” questo è un detto paesano che ben sintetizza lo stato della Sanità territoriale nella Valle del Mercure alla luce della ultima Sentenza del Consiglio di Stato che sancisce definitivamente l’ubicazione della Casa della Comunità ASP a Viggianello.

Massimo Di Sanzo

Il Partito Democratico di Rotonda attraverso il segretario Massimo Di Sanzo commenta così la Sentenza del Consiglio di Stato che, vanifica tutti gli sforzi compiuti dal Circolo PD, con petizione e manifestazioni, affinché la struttura sanitaria intermedia fosse destinata a Rotonda che è sede da oltre trent’anni di una struttura ASP di tipo sanitario e amministrativa; con la presenza nella stessa struttura anche degli studi di Medicina Generale e della Continuità Assistenziale. La vicenda, prosegue il segretario DEM di Rotonda, è iniziata male ed è finita peggio.

Inizialmente c’è stata solo una insufficiente consultazione con le amministrazioni locali e comunque le osservazioni pertinenti e oggettive del Comune di Rotonda non sono state tenute in considerazione, così come pure oltre settecento firme raccolte in pochissimi giorni non hanno avuto alcuna risposta.

Rotonda (Potenza)

La questione, gioco forza, è diventata di carattere giudiziario e nel corso dell’opera la procedura è stata rattoppata con motivazioni postume, rabberciate e infine non si comprende perché in altre strutture della provincia le Case della Comunità sono state allocate nei paesi già sede di Poliambulatori, ad esempio Sant’Arcangelo, mentre nel Mercure tale impostazione non si è mantenuta.

Sul percorso pesano come macigno ben 2 Sentenze del TAR lucano, favorevoli all’individuazione di Rotonda. Solo a cose fatte e a progetti avviati nell’ambito di un piano generale, il Consiglio Regionale individuava le varie sedi di CdC e strutture intermedie.

Speriamo comunque che la struttura poliambulatoriale di Rotonda non subisca nessun effetto negativo da tale scelta, anche se le premesse non sono buone, prova ne è stata che per aprire un locale realizzato per ospitare la guardia medica, è stata necessaria una interrogazione consiliare da parte del consigliere regionale Roberto Cifarelli all’assessore leghista Francesco Fanelli.

PD BASILICATA

Tornando al detto iniziale, in buona sostanza i DEM di Rotonda, da un lato sperano che le due strutture, una funzionante e l’altra da realizzare, funzionino adeguatamente, mentre vigileranno affinché la struttura rotondese non venga assolutamente depotenziata.

Non è stata per noi una battaglia di campanile, purtroppo è diventata una vicenda giudiziaria ma, è e resta una battaglia di cittadinanza a difesa della Sanità pubblica.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi