I nuovi Vescovi della Basilicata Sud

Mons. Francesco Sirufo
Mons. Francesco Sirufo

Questo lembo di terra lucana è alla ribalta di una cronaca molto bella e confortante. Le periferie esistenziali sono davvero nella mente e nel cuore di Papa Francesco.

In questi giorni, mentre la Diocesi di Tursi – Lagonegro esulta profondamente per la nomina di Sua Eccellenza Mons. Vincenzo Orofino (ora Vescovo di Tricarico) a Vescovo di detta Diocesi, una nuova gioia ci vien data di assaporare per la elezione di Mons. Francesco Sirufo, nominato Arcivescovo di Acerenza.

Mons. Orofino è nato a San Severino Lucano, sessantrè anni, mentre Mons. Sirufo è nato a Castelluccio Inferiore, cinquantacinque anni.

Il nuovo Presule castelluccese è dal 2008 parroco solerte di Viggianello, amministratore diocesano di Tursi – Lagonegro, già Vicario Espicopale per la formazione permanente del clero e Vicario Giudiziale della Diocesi di Tursi – Lagonegro; è Direttore dell’Istituto Teologico del Seminario Maggiore di Basilicata e Docente di Diritto Canonico. E’ diventato Sacerdote il 3 agosto 1985 nella sua cittadina del Pollino.

Mons. Orofino Vincenzo
Mons. Orofino Vincenzo

Senise, Lauria Superiore e Viggianello sono le parrocchie che lo hanno ben conosciuto, nonché apprezzato come valido Pastore e guida saggia. E con loro le tante persone che hanno beneficiato della sua sapienza e della sua umanità nei tanti incontri di formazione che la diocesi Tursiense ha offerto negli anni scorsi. Sarà proprio lui a guidare ora la millenaria e alma diocesi acheruntina, che lo attende con ansia, dopo annose e forti trepidazioni circa una sua paventata soppressione.

I suddetti Presuli, luminose espressioni delle migliori virtù cristiane, si presentano al popolo di Dio ben saldi nella fede, uomini di soda dottrina, assai entusiasti, operosi nella carità e attenti al sociale, sullo stile di Papa Francesco, che con insistenza esige una Chiesa nella quale ogni credente è chiamato a svolgere un servizio, una Chiesa tutta ministeriale, tutta carismatica, tutta servizio per la salvezza dell’uomo; una Chiesa realtà di comunione articolata, dove Vescovo, presbiteri, diaconi, religiosi, laici hanno ciascuno il proprio compito; una Chiesa che si edifica proprio nella misura in cui è comunione delle sue varie componenti e che si esprime nel dialogo, nel camminare insieme, esperta in umanità, una Chiesa nuova, viva, capace di intrecciarsi pienamente al tessuto sociale della comunità civile della Basilicata.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi