Proposte del pensiero e di ricerca Progressista

Mario Cantone, ricercatore di una maggiore giustizia sociale fondata su una più equa ridistribuzione della ricchezza prodotta e sui meriti, ritiene che per rimuovere le cause dell’attuale disagio non solo giovanile, occorre il coraggio politico di rompere gli schemi tradizionali degli interessi personali e di categoria.

Ernesto Calluori

Inoltre, sostiene che al centro della politica deve esserci l’essere umano con le sue esigenze irrinunciabili per assicurare libertà e dignità a tutti i cittadini e non la ricerca affannosa degli affari e dei privilegi personali. In un’epoca in cui non si fa che parlare di antipolitica e della grande distanza che separa i palazzi del potere dalla vita quotidiana di milioni di cittadini, è appena il caso di riportare il dibattito ad un livello fondato su principi attinenti ai problemi reali. Infatti, la forza vitale di un partito politico deve essere incisa nei principi di civiltà e di giustizia sociale che abbiano affinità con la sicurezza, con il benessere e con il rispetto della dignità e della libertà della persona. Al contrario, invece, la politica senza principi morali, di civiltà e di giustizia sociale, contribuisce a dare spazio agli opportunisti, agli affaristi che si servono della politica per legittimare il loro potere e per gestire meglio i loschi affari facendoli apparire in modo legale.

Le proposte del pensiero progressista indirizzano la loro politica su ciò che promuove civiltà e benessere sociale per tutti e non su ciò che è conveniente, in base a dei principi che sono la causa sia del bene che del male, a seconda delle scelte che si fanno. Quelli nobili servono a dettare norme attuative che regolamentino in maniera armoniosa la vita sociale, tenendo presente che tutte le attività hanno il loro valore sociale e che tutti gli esseri umani hanno una propria dignità che va salvaguardata. Poi ci sono i principi ignobili fondati sull’ambizione, su l’egoismo, sul razzismo, sull’ipocrisia ecc. ecc… Attualmente in Italia e nel mondo regnano in modo incontrastato i principi ignobili. Tutto vero! Questa è la ragione del malessere sociale e della miseria che esiste nel mondo e che affligge miliardi di persone. Da quì nasce quel senso di insicurezza e di precarietà che sfocia nella disperazione o nella violenza e che offre terreno fertile alla criminalità.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi