Finalmente una posizione chiara e lucida sulla questione “Centrale del Frido”

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Finalmente! Finalmente una esposizione chiara e lucida, quella dell’amico Antonio Amatucci nell’articolo “La Centrale Idroelettrica sul Frido, una strana storia di ordinaria incongruenza” pubblicato in data odierna su questa testata, articolo fatto da un amministratore competente, che ha saputo e sa il fatto suo.

Giovanni Labanca

Io seguo sempre le vicende di casa nostra, specialmente del Parco del Pollino, che, si può dire senza smentite, sia nato anche dalla mia penna di giovane corrispondente della Gazzetta del Mezzogiorno, negli anni 60.

Il Parco descritto e ipotizzato dal CRN, dall’ingegnere Ferrara e Gianni Rusciani , dal Principe Filippo di Edimburgo, da Italia Nostra dell’amico Antonio Cederna, dalla WWF, è ora l’esatto contrario, fino a travisare tutte quelle che erano le prerogative e le aspettative. In poche parole: doveva interessare massimo 15 comuni lucani della montagna e un paio della sponda calabra; doveva essere diviso in tres partes (come la Gallia di Giulio Cesare, reminiscenze scolastiche.

La prima, Zona A, riguardava le vette con i Pini Loricati, i  faggeti e gli abeti, da preservare con il massimo rigore, salvo la Zona B parte più meridionale e pianeggiante, riservata al pascolo e le attività agricole consuete, che andavano incrementate e razionalizzate al meglio, con riguardo alla pastorizia. Infine, ZONA C, riguardava i paesi, di cui era previsto un rigoroso risanamento igienico-ambientale, soprattutto delle case abbandonate, che, in seguito, avrebbero potuto essere affittate ai villeggianti.

Terranova di Pollino – foto di F. Mastrota

Un piano bellissimo che avrebbe veramente fatto risorgere la nostra zona. Tutto bello, troppo bello per essere vero. Mi ricordo che con Giacomo Fasiello, indimenticato sindaco di Terranova, abbiamo girato, a piedi, tutte le frazioni per spiegare cosa sarebbe cambiato. Bisognava solo fare la legge ed era fatta. E qui conciano i guai. La Regione ci mette le mani, i politici ci mettono le mani e i piedi e ci troviamo, per farla breve, a quello che, diventato il Porco del Pollino,  (così lo chiamano) ha creato solo burocrazia, disordine, malumore, allargamento anche a paesi marini, tanto in Lucania, tanto i Calabria, fino a farlo diventare  la più  grande riserva naturale fauno marina dell’Appennino, dopo aver esautorato i comuni della loro autorità. Il resto lo sapete tutti e mi fermo qua, per tornare alla centrale del Frido. Chi ha dato la prima autorizzazione? Poteva darla e, se lo ha fatto, avrà avuto tutta l’autorità per farla. Ora, giustamente, la gente si ribella e non vede di buon occhio questo disturbatore ambientale, mentre i vari Enti si rimbalzano le responsabilità, nel tentativo di bloccare l’opera già iniziata.

Che si fa, nessuno lo sa, fa anche rima. Il mondo politico lucano, sempre distratto da altri affari, non prende una decisione univoca, mentre la fresca e chiara acqua del Frido è in attesa di sapere se deve continuare a dissetare i comuni, come  è nato per fare, o  far girare turbine per fare corrente, che pure ci vuole.

Monte Pollino “il pino loricato”

Amatucci ha fatto il punto dell’attuale situazione ed invita tutte le parti a trovare un accordo che tenga presente di salvaguardare le peculiarità per cui il Parco è stato istituito. Bisogna fare presto, però, altrimenti, con l’acqua, se ne vanno parecchi milioni che potrebbero servire a ben altro. Dopo questi interventi, giungerebbe gradita e definitiva la voce dell’autorità competente, Il sottoscritto, malgrado tutto, avrebbe preferito, visto le cose come stanno, che la montagna fosse rimasta in mano ai veri padroni, ai contadini e alle popolazioni che per anni l’hanno custodita con amore.

One Response to Finalmente una posizione chiara e lucida sulla questione “Centrale del Frido”

  1. Mi sembra bene quello que lei a lottato da anni ,figurati con il sindico Giacomo Fasiello,coincido nell’argomento di preservare la montagna ,pero purtroppo il mondo no sta bene ,e propio vuol distruggere tutto.Grazie e saluti.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi