Giornata Internazionale della Donna, omaggio poetico

DONNA

Vada a te, oggi, il mio breve canto;

a te che crei nel duol che è tanto.

A te ,che dai gemiti rapita,

godi e produci la vita.

Ma mentre il tuo grembo fecondo

sparge copioso amore nel mondo,

spesso il tuo cesto raccoglie dolore,

anzicchè traboccar di bene e d’amore.

Per le tue glorie, virtù e servigio

c’è chi ti rende stima e prestigio:

Ad ogni donna valorosa e schietta,

vigoroso sia il plauso che le spetta.

Anton Giulio Covino 8 Marzo 2020

 

IL CALDO FIORE

Governa spesso con un legno il fuoco:

il caldo lambirà le membra poco a poco.

Offri sovente alla tua donna un fiore:

al cor ti giungerà lo stesso tepore.

Anton Giulio Covino 8 marzo 2014

 

8 MARZO

I veri uomini, oggi e “domani”,

cantano la donna in coro

e spargono, a piene mani,

grappoli di gocce d’oro.

Anton Giulio Covino 8 marzo 2019

 

DONO

Chi dice “donna“

dice DONO :

per quel che fanno,

per quel che sono.

Anton Giulio Covino 8 marzo 2021

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi