I Partiti di una volta non ci sono più

I partiti di una volta erano insieme anima e istituzione: erano il luogo del potere e dei valori ovverosia il master della democrazia.

Ernesto Calluori

Amati o odiati erano comunque la casa del militante come della classe dirigente. Erano l’indirizzo cui tutte le istanze della società venivano inviate come un fiume in piena. Nel fiume viaggiava l’intuizione di Enrico Berlinguer, quella che più tardi si sarebbe chiamata “lo sviluppo sostenibile.”

Enrico Berlinguer

Berlinguer intuì con buon anticipo sulla necessità di una consapevolezza di “austerità.” La sua intuizione non fu premiata. Non aveva, del resto, argomenti per aver ragione, ma non aveva neanche torto. Così come non aveva torto quando vide che i partiti politici erano affetti da una malattia grave e degenerativa da identificarsi a raccogliere ‘dal meglio’ ‘il peggio’: l’affarismo, la clientela, l’irresponsabilità.

In quel fiume viaggiava la voglia della modernità incarnata da Bettino Craxi, il quale pensava a una politica più professionale e meno comiziante. Ma si incaponì e perse l’occasione storica, per essere l’alternativa concreta alla Dc, e alla fine alternativo alla stessa sinistra.

In quel fiume viaggiava il bisogno di legalità divenuta più tardi ‘giustizialismo’, la voglia di fargliela pagare a ‘quelli del potere’. Questo Bel Paese che non era mai stato capace di liberarsi per via elettorale dai predatori del pubblico denaro, finì per illudersi di aver fatto una rivoluzione, fino a che non scese in campo ogni tipo si società civile. Da quella berlusconiana che non è solo tv, a quella come lui che pensa di non volere intralci e regole.

Anche questa è società come lo è il leghismo assimilabile a pezzi di società che si nutre di antipolitica. Anche a sinistra l’antipolitica ha fatto scuola e proseliti. Siamo in una situazione in cui la caduta delle ideologie ha aperto la strada alla frana delle idee da ignorare quale sia il collante che tiene insieme una forza politica e quale sia l’omogeneità dei suoi gruppi dirigenti da stentare a definirne l’identità.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi