Molinari ricorda la frana di Senise a 35 anni

35 anni fa il 26 luglio 1986 fui svegliato presto la mattina verso le 7, da una telefonata di Michele Forastiere, Segretario della locale sezione DC, che mi dette la notizia della tragedia che aveva colpito Senise causata dalla frana della collina Timpone.

Morirono 8 persone: Rocco Gallo e sua moglie Rita, (nella foto), la sorella Linuccia, il marito Giuseppe, la loro piccola Francesca ed i tre fratellini Durante Pinuccio, Maria e Maddalena.

Rita e Rocco Gallo

Rocco Gallo era un Consigliere comunale DC di Senise, aveva ricoperto la carica di Assessore ed era componente del Direttivo sezionale. Un giovane emergente proveniente da una famiglia umile, il padre era muratore.

Convegno DC a Senise dopo frana

Rocco si era fatto da solo, come tanti lucani, con la sua volontà e tenacia aveva conseguito il diploma di geometra ed aveva messo su una piccola impresa. Sul terreno di quella collina, di proprietà del padre, c’era un casolare che Rocco Gallo aveva legittimamente ristrutturato diventando la sua dimora dove purtroppo ha trovato la morte con la moglie lasciando i suoi due figli Giovanni e Francesco orfani che si salvarono protetti dal corpo dei genitori.Fu quello di Rocco e Rita l’ultimo atto d’amore verso i propri figli.

Sindaco di Senise era Ciccio Bulfaro che insieme alla Giunta ed al Consiglio Comunale si trovarono a fronteggiare quell’emergenza. Nei giorni e nei mesi successivi non mancò un forte impegno a cominciare dalla Regione Basilicata guidata dal presidente Nino Michetti, dal Governo nazionale con la presenza immediata del Ministro della Protezione Civile Giuseppe Zamberletti e di tutti i parlamentari lucani a dare subito una risposta istituzionale.

Savino – Colombo – Zamberletti – Michetti

In pochi mesi il 27 marzo 1987 fu approvata in parlamento la legge 120 detta “Legge Senise“ In essa erano contenuti misure urgenti a fronteggiare l’emergenza nel comune di Senise e di altri comuni interessati da dissesto idrogeologico del territorio. I partiti, i sindacati, la stessa DC cogliemmo l’occasione del dopo-frana per ripensare allo sviluppo di Senise e dell’intera area promuovendo incontri e convegni.

La tragedia di Senise, però, doveva essere un monito a tutta l’Italia che non doveva ripetersi più! Cosi non è stato in questi 35 anni e ciò rende ancora più triste questo giorno pensando alle tante tragedie e morti che ci sono stati. A 35 anni Senise, per iniziativa del Comune, delle Parrocchie e del giornale online La Siritide che non ha mai spento i riflettori sulla frana di Timpone, fa bene a fermarsi per ricordare.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi