Sinni (Commento agli haiku di Gino Costanza)

Sinni

 

Raggiorna lento:

luccica il mio Sinni,

che, magro, scorre.

 

(Gino Costanza)

 

 

Sinni – Commento agli Haiku di Gino Costanza

fiume Sinni

Sinni, quante storie e leggende sono nate e si tramandano lungo le tue rive: storie di povera gente, di mercanti e di migranti, di santi, poeti e briganti; di  lacrime e canti, di donne a sciabordare i panni sulle sponde, là dove placida è l’onda, della numerosa prole; e del padrone per un tozzo di pane raffermo.

…E il pianto di  Isabella di Favale che a te affidò il lamento del  suo “mal superbo.”

Sinni, quante canzoni abbiamo cantato sotto il ponte inseguendo sogni di gloria, aspettando l’alba di un nuovo giorno.

Quanto mi sei caro, e quanto  mi rattrista ora il  guardare il tuo esile rivolo che riverbera sprazzi di luce intorno… sul far del mattino.

(Filippo Di Giacomo)

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi