Tra Russia e Ucraina ci voleva un altro Re Salomone

Dal libro Biblico 1 Re Cap 3 riportiamo:

1Re 3:16-28

“Il giudizio di Salomone
Sl 72:1-4; Pr 25:2; 16:10 (Lu 12:2; Ro 2:16)
16 Allora due prostitute vennero a presentarsi davanti al re. 17 Una delle due disse: «Permetti, mio signore! Io e questa donna abitavamo nella medesima casa, e io partorii mentre lei stava in casa. 18 Il terzo giorno dopo il mio parto, partorì anche questa donna. Noi stavamo insieme, e non c’erano estranei; non c’eravamo che noi due in casa. 19 Poi, durante la notte, il figlio di questa donna morì, perché lei gli si era coricata sopra. 20 Lei, alzatasi nel cuore della notte, prese mio figlio dal mio fianco, mentre la tua serva dormiva, e lo adagiò sul suo seno, e sul mio seno mise il figlio suo morto. 21 Quando mi sono alzata al mattino per allattare mio figlio, egli era morto; ma, guardandolo meglio a giorno chiaro, mi accorsi che non era il figlio che io avevo partorito». 22 L’altra donna disse: «No, il figlio vivo è il mio, e il morto è il tuo». Ma la prima replicò: «No, invece, il morto è il figlio tuo, e il vivo è il mio». Così litigavano in presenza del re.
23 Allora il re disse: «Una dice: Questo che è vivo è mio figlio, e quello che è morto è il tuo; e l’altra dice: No, invece, il morto è il figlio tuo, e il vivo è il mio». 24 Il re ordinò: «Portatemi una spada!» E portarono una spada davanti al re. 25 Il re disse: «Dividete il bambino vivo in due parti, e datene la metà all’una, e la metà all’altra». 26 Allora la donna, a cui apparteneva il bambino vivo, sentendosi commuovere le viscere per suo figlio, disse al re: «Mio signore, date a lei il bambino vivo, e non uccidetelo, no!» Ma l’altra diceva: «Non sia mio né tuo; si divida!» 27 Allora il re rispose: «Date a quella il bambino vivo, e non uccidetelo; lei è sua madre!»
28 Tutto Israele udì parlare del giudizio che il re aveva pronunciato, ed ebbero rispetto per il re perché vedevano che la sapienza di Dio era in lui per amministrare la giustizia.”

Letto ciò, mi permetto di fare un confronto tra questo modo di trovare l’accordo e ciò che sta avvenendo nell’Europa del 3° millennio.

Guerra in Ucraina

Per comodità la Russia e l’Ucraina sono le due donne; l’Ucraina ha il suo bambino (la sua nazione), mentre la Russia ha perso il bambino e vuole rubare quello dell’altra (il territorio dell’Ucraina). Le due donne hanno trovato l’accordo con l’intervento del giudice (Re Salomone).

Invece queste nazioni non potevano e non possono raggiungere un accordo tra di loro; cosicché la Russia vuole rubare il bambino (scatena la guerra con ferocia avendo una supremazia assoluta) e la Ucraina si difende come può.

Occorreva che si rivolgessero a un nuovo “Re Salomone”, che dalla sua saggezza doveva tenere conto delle richieste dell’una e dell’altra parte. L’Ucraina doveva fare come ha fatto la vera mamma del racconto Biblico, doveva assicurare la sua neutralità dalla NATO ai vicini fratelli Russi.

Re Salomone

I Russi a loro volta avrebbero assicurato al popolo ucraino pace, benessere e sicurezza nei suoi confini. Un altro Re Salomone non c’è stato ed ecco che la catastrofe umana e mondiale incombe su di noi.

Re Salomone era ispirato dalla sapienza di Dio. Noi siamo messi male anzi malissimo.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi