In omaggio al Gemellaggio Marsico Nuovo Sasso di Castalda (Poesie di Giovanna Saporito) 3^ parte

RAGGIANTE È L’ INTESA.

Giovanna Saporito

In una raggiante intesa

venti di luce

essenze sparse

voli profumati

valli ridenti

e scroscii di acque avvolgenti.

Nei vicoli oscuri

nella quiete del bosco

odore di corteccia

profumo di erba selvaggia

e si strizza il cuore.

Avvinto è l’uomo dalla bellezza

l’anima si colora

di sfumature romantiche

e come condottiere errante

sedotto si avvia per i sentieri

lievitano le sensazioni

la mente non è più oscurata dal buio

nascosto tra le pieghe fitte degli alberi.

Languore, turbinio, melodie

e si avanza cantando

tra un gioco di luce e di ombre

sospiri di sollievo

le foglie accarezzano

e gorgoglii e echi guidano al risveglio

al respiro di speranza, all’unione

e il cielo si colora.

Sagome di alberi, sagome di corpi

e si fondono i due paesi nell’ imperiosi bosco.

Sembravano lontani i cuori

i loro battiti erano distanti

ma finalmente sguardi riavvicinati

un’alba nuova con ravvivate aurore.

Uniti sono Marsico e Sasso

da un sorriso e tanti buoni sentimenti.

Quanta emozione nello stringere le mani

nell’incrociare le radici,

nell’abbraccio dei cuori nel verde paesaggio

silenzi, palpiti e i petali di faggio benedicono il momento

con l’acqua di sorgente.

LA PASSEGGIATA

Giovanna Saporito

Una passeggiata

accompagnerà l’andata e il ritorno

il ritorno e l’andata

due chilometri nei sentieri naturalistici

tra bagliori infiniti di verde

nell’oasi dei due amati paeselli.

Lungo le insolite strade

si vagherà lentamente

e i taciturni viaggiatori

a bocca aperta per le meraviglie

si intrufoleranno tra gli immensi colori

e sospirando

scenderanno e saliranno per i sentieri.

Ogni tanto un rumore

gli animali in letargo nel bosco si sono svegliati

e tra ombre e sogni sfuggono alla furia dell’uomo.

Agli occhi un’immagine di libertà e riposo tra le fresche fronde.

Guizzano i corpi nel bosco accarezzati dall’ombra

ma un lampo di luce li attira

gioisce l’impulso

si sentono i passi

mettono in luce un percorso

da Marsico direzione Sasso di Castalda

da Sasso direzione Fontana delle Brecce – Marsico Nuovo

andata e ritorno

quattro chilometri cosparsi di mille riflessi.

SASSO DI CASTALDA

Sasso di Castalda

Succhia un sorriso il paesino di Sasso di Castalda

tra lacrime di rugiada, bellezze verdeggianti e un’atmosfera fiabesca.

Alla sua vista si è affascinati dalle strade gonfie di sole

dall’erba, dal vento, da tutte le presenze accattivanti

dallo stormire di fronde, dal frinir di cicale

e da un uccello che volando lascia una scia.

Eccitati sospiri, e ci si è immersi nella magia.

Uno sguardo alla luna da sopra il masso roccioso

un occhio al cielo dalla vetta dei monti lucani

un trasporto, visioni paralizzanti, un sogno da toccare.

Sasso una terra distesa alle carezze del vento

con le sue case di pietra, le finestre occhi birbanti

le porte bocche parlanti

i spalancate imposte narranti i balconi.

Nel borgo i sassi cocenti all’uomo che guarda

fanno scoprire la storia di Pietra Castalda del1068.

Come note si propaga il racconto

sale e scende lento tra le pendici delle cime rocciose

tra gli aspri boschi, i sentieri, il castello che domina valli e colli.

Gode di un glorioso passato Sasso di Castalda

borgo sempre in viaggio per l’antica via romana Herculea

collegando Venosa, Potenza e Grumento città della Basilicata settentrionale.

MARSICO NUOVO

Marsicovetere

Tre figlie mute

tre donne meravigliose

tre occhi penetranti e attraenti

con i loro silenzi, i loro non detti

hanno un fascino ambiguo.

Tre battiti di cuori

tre sospiri

tre visioni che in cielo cavalcano le nuvole

e abbracciano con la loro bellezza lo sfondo suggestivo.

Pizzicano l’anima nel viaggio

aprono gli occhi al gioco di luci, alle sfumature di verde

e lasciano trapelare tutta l’armonia intorno.

Marsico Nuovo (Pz)

E per la magia dell’immaginazione

all’improvviso appaiono agli occhi

tre seni prosperosi, i più belli, i più formosi

e fluttuando nelle pupille come onde seducenti

un tremolare d’ali si sente dentro.

E’ un innamoramento, un aggrovigliamento di sentimenti

che smaniando rubano alle stelle dolci note

e s’ ode un clamore orchestrale che consola

e sbriciola negli occhi emozioni.

Una gioia di innamorati in equilibrio

sale, scende, si distende, si inchina

e accompagna lungo l’itinerario.

MARSICO NUOVO

Marsico Nuovo

Nella tua pace, nella tua quiete

sei un paese amato e desiderato

un canto di note emozionanti

e come un arpeggio

di chitarre e arpe seduci

Ti cercano avidamente le pupille

al soffio del vento regali i suoni dei ricordi

sei terra che graffia dentro

sotto i raggi del sole scintillante.

D’ amore splendi

e all’ombra dei fronzuti rami

sei speciale da vivere e raccontare.

Al cinguettio degli uccelletti

un deserto si percepisce nell’aria

ma incanti con le rondini che in cielo fiori ricamano.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi