Si chiude la IV edizione del Festival Antiche Radici “Rrënjet e Vjetra” di San Paolo A.

Si è conclusa con grande interesse e partecipazione la IV Edizione del Festival Antiche Radici “Rrënjet e Vjetra”, qui a San Paolo Albanese (Pz).

Festival Antiche Radici “Rrënjet e Vjetra” di San Paolo A.

Una tre giorni (30/09, 01 e 02/10) dedicata a corsi di ballo, canto e strumenti musicali (Zampogna, Surdulina, Ciaramella, Tamburello e costruzione di ance).

Festival Antiche Radici “Rrënjet e Vjetra” di San Paolo A.

Anche il Concerto della serata del 30/09 “Serenata Lucana, i suoni della memoria” del Gruppo Ensemble Meridies – Festival Appennino Mediterraneo – è stato molto apprezzato.

Questi strumenti sono di grande cultura, complessi e difficili in un’epoca che fa della semplificazione delle procedure uno dei suoi fondamenti; un’epoca in cui la tecnologia contemporanea annulla totalmente la manualità come risorsa umana. La zampogna e gli altri strumenti sopra indicati, invece, obbligano ad una coordinazione mano-corpo-orecchio-sensibilità.

Festival Antiche Radici “Rrënjet e Vjetra” di San Paolo A.

Tutte e quattro le edizioni hanno dimostrato in modo chiaro che questo patrimonio culturale è un fattore essenziale per la crescita sostenibile del territorio e per la comprensione del rapporto tra il patrimonio stesso e l’intera comunità della Valsarmento.

La conoscenza e l’uso dell’eredità culturale sono riconosciuti come diritto umano. L’insieme di risorse ereditate dal passato va promosso, quindi, come interesse pubblico, con un processo partecipativo finalizzato alla conservazione e alla valorizzazione.

Festival Antiche Radici “Rrënjet e Vjetra” di San Paolo A.

Questo Festival Antiche Radici è la dimostrazione che il territorio può crescere se c’è condivisione e partecipazione, ma una Comunità piccola come San Paolo Albanese da sola non può farcela. C’è bisogno della condivisione di tutti e, soprattutto, della Regione Basilicata.

Festival Antiche Radici “Rrënjet e Vjetra” di San Paolo A.

Realizzare un Laboratorio, sia per tenere i corsi che per la costruzione degli strumenti, oltre a mantenere vivo questo ricco patrimonio, darebbe anche opportunità di lavoro e consentirebbe di trattenere qualche giovane nella nostra area.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi