Giorgio La Pira “il Sindaco Santo “

Il 5 novembre 1977 moriva a Firenze Giorgio La Pira. Legato a Dossetti, Lazzati, Fanfani il gruppo denominato dei “professorini“, con loro ed altri cattolici democratici come Laura Bianchini si ritrovavano nella casa delle sorelle Portoghesi a Roma fondando la cosiddetta “Comunità del Porcellino“ fu chiamata così perché il presidente dell’Azione Cattolica Vittorino Veronesi una sera si presentò con un bel porcellino farcito dando così il nome al gruppo che costituì il crogiuolo dello spirito e delle idee della nostra Costituzione.

Giorgio La Pira – Giulio Andreotti

Nel 1946 La Pira è eletto alla Costituente nelle liste della DC dando un contributo decisivo alla stesura dei primi articoli della Costituzione. Rieletto deputato nel 1948 è nominato Sottosegretario al Lavoro nel quinto governo De Gasperi schierandosi al fianco dei lavoratori nelle aspre vertenze sindacali del dopoguerra .

Giorgio La Pira – Enrico Mattei

Nel 1947 fondo’ con Dossetti la rivista “Cronache Sociali”. Nel 1952 e’ Sindaco di Firenze carica che ricopre, salvo brevi interruzioni, fino al 1965.

Difende con energia i più deboli, i senza casa ed i diritti dei lavoratori.

Emblematiche furono gli episodi delle fabbriche fiorentine del Pignone nel 1953 quando La Pira e la chiesa appoggiarono le lotte operaie fini ad accettare l’occupazione della Pignone riuscendo quindi a risolvere la crisi con il contributo di Fanfani e Mattei Presidente dell’Eni che rilevò l’azienda.

Giorgio La Pira – Emilio Colombo

Altro filone centrale delle iniziative di La Pira fu quella della pace oggi tanto attuale. I convegni internazionali “per la pace e la civiltà Cristiana”, l’incontro dei sindaci delle capitali del mondo convocato a Firenze dal 2 al 6 ottobre 1955 dove per la prima volta si incontrarono i sindaci del mondo occidentale e comunista che firmarono insieme un appello contro la guerra nucleare.

Giorgio La Pira – Amintore Fanfani

In collaborazione con Fanfani allora Ministro degli Esteri si fece promotore nel 1965 di una vasta azione diplomatica per una soluzione politica della guerra nel Vietnam.

Famoso fu il suo viaggio ad Hanoi dove incontrò Ho chi Min.

Giorgio La Pira – Aldo Moro

Si fece Pellegrino di pace andando nel 1959 a Mosca dove parlò al Soviet Supremo in difesa della distensione e del disarmo. Profondamente cattolico supportava tutte le sue iniziative con la preghiera ed ebbe uno stile di vita nel pubblico e nel privato irreprensibile ispirato sempre alla sua visione Cristiana.

Nel 1986 l’Arcivescovo di Firenze Piovanelli  ha avviato il processo di beatificazione e nel 2018 Papa Francesco lo ha dichiarato “Venerabile“.

Giorgio La Pira

Quanto ci manca oggi questo grande laico cattolico “venditore di speranza” in Italia, in Europa e nel mondo!!

(nelle foto La Pira con Colombo, Fanfani, Moro, Mattei ed Andreotti)

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi