a te Piero, amico, sindaco, cuore di Bioglio

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

 

Piero Rey

Piero Rey

Se fossi capace oggi Piero, racconterei tutto quello che sei stato: Consigliere Comunale, Assessore Comunale, Sindaco, Consigliere Provinciale, Assessore Provinciale, Presidente dell’Ospedale, membro della commissione edilizia, decano degli avvocati e chissà quanto altro mi sono perso….e racconterei tutto quello che hanno visto i tuoi occhi e che hai voluto fermare nelle tue poesie….

Se fossi capace oggi Piero, smetterei di balbettare banalità e racconterei una barzelletta, una di quelle con cui rompevi le barriere delle distanze e ti facevi così vicino a chi incontravi da non far percepire la profondità dei tuoi pensieri, la larghezza della tua anima e l’ampiezza del tuo essere capace di bene e prenderei per mano la tua Giuly e le direi “tienile strette le mie di mani mentre guardiamo il Piero che fa il salto più grande, impegnativo e straordinario dell’esistenza: quello verso l’infinito, dove infinitamente potrà continuare ad amarti e ad amare il suo paese”….

Stefano Ceffa sindaco di Bioglio

Stefano Ceffa sindaco di Bioglio

Se fossi capace oggi Piero, urlerei a Carmine Giordano, a Paolo Solivo, a Dino Pasquario, a Virginio Grimaldi, a Pierino Cappio, a Suor Annangela, ad Antonio Barioglio, a Giovanni Dalle Ore e a tutti i biogliesi che ti stanno aspettando: venite! Correte! Venite a prendere il Piero che sta arrivando! Fategli strada perché possa da subito riempire l’eternità che gli si spalanca davanti con un orto, una poesia, una barzelletta nuova da raccontare a tutti perché l’eternità è roba troppo importante per essere lasciata all’improvvisazione e lui era già pronto e ce lo ha scritto nelle sue poesie che ad una prima lettura possono sembrare intrise della pesantezza del senso della fine ma che al contrario sono leggere come le ali di chi sa che non sta facendo un salto nel vuoto ma che sta abbracciando l’eternità….

Se fossi capace oggi Piero inizierei a cantare “Bioj al me pais” sapendo che tu lo stai continuando a cantare perché questo paese è tuo tanto più oggi di quando lo sia mai stato mentre ti starai magari chiedendo che cosa cavolo ci fa tutta sta gente attorno a te, se serve tutto sto cinema, i discorsi, il lutto cittadino, adesso che si devono raccogliere le zucchine e iniziare a preparare l’orto per la stagione che arriverà e poi ti direi anche di non esagerare con le barzellette…. Sai…. In paradiso mica tutti sono sportivi come te, con quella con il vestito rosso e il mantello azzurro e bianco magari puoi osare un po’ di più… con le mamme si può ma stai attento a quelli con la barba bianca e lunga…. con loro vacci cauto potrebbero non essere pronti alle tue battute, o forse sì ed è per questo che ti hanno prenotato un posto vicino a loro perché anche il cielo da stasera sorrida un po’ di più….

Piero Rey

Piero Rey

Se fossi capace Piero direi quello che tu avresti voluto sentirti dire ma in questo momento l’emozione mi gonfia il cuore, mi serra la gola e mi impedisce di dare ordine ai miei sentimenti ed allora ti dico solo grazie, grazie perché mi hai regalato lo sguardo dei tuoi occhi, il rombo della tua voce e delle tue risate, la dolcezza delle tue mani di contadino-avvocato e la purezza del tuo cuore. Custodiscile così per l’eternità e continua a guardarci, a parlarci, a tenerci per mano e a volerci bene.

Siccome però Piero io sono soltanto io, un tapino col cuore in cammino, allora ti saluto con la serenità delle ultime righe del tuo libro “Quando il grande raduno avrai deciso e a ognuno ridarai le sue sembianze risuscitando i corpi, nuova luce per Tua potenza tutti rivedranno. Ricordati allor che pure dentro un orto giace il mio cane Dik che fu compagno nel tempo giovanile ed or lì dorme sotto un anziano pruno. Rialza anche lui e senta la Tua voce perché festoso balzi come in terra correva e or correrà per sempre al mio fianco” divertiti con il tuo Dik stasera Piero e non staccare il cuore da noi quel cuore che non è dove batte ma è dove ama, sussurralo stasera Piero, sussurralo alla tua Giuly, sussurralo al cuore di Bioglio…. Il cuore non è dove batte ma è dove ama e il tuo, lo sappiamo, sarà sempre qui. Buon cammino Piero, buon cammino….

Stefano Ceffa

                                                                                                                                       Sindaco di Bioglio

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi