Tre associazioni potentine hanno promosso una raccolta fondi per l’acquisto di dispositivi medici donati alla Cardioanestesia del San Carlo di Potenza

Le Associazioni “Le Ali di Frida”, “Curva Ovest Potenza Calcio” e “Abamar – Associazione Malati Reumatici-“ hanno promosso una raccolta fondi per l’acquisto di attrezzature mediche da offrire al San Carlo di Potenza in segno di riconoscenza per l’opera e il lavoro svolto in questi mesi di pandemia da Covid-19.

Dopo le precedenti consegne di dispositivi di sicurezza e di una Sonda Multifunzione, questa mattina, una delegazione di rappresentanti delle tre associazioni, tra cui la Presidente di “Le Ali di Frida”, Franca Coppola, è stata accolta dal Primario della U. O. di Cardioanestesia, dottor Giuseppe Pittella e dal dottor Giuseppe Adurno, che hanno ricevuto il Monitor Multiparametrico e il Tablet offerto dalle Associazioni citate.

Riportiamo di seguito il ringraziamento e l’incoraggiamento di Franca Coppola Presidente dell’Associazione “Le Ali di Frida”:

“Un grazie enorme a questi straordinari medici impegnati a fronteggiare l’attuale emergenza sanitaria. “Nessuno si salva da solo”. Questa frase, scelta come slogan per la raccolta fondi, ha trovato attuazione e si è concretizzata nella parola “Solidarietà” che esalta il protagonismo di tutti i soggetti coinvolti in questi tempi così drammatici, rendendo possibile un cammino di speranza che non può che avvenire attraverso il prendersi cura gli uni degli altri, ponendo attenzione alle reciproche fragilità di salute, lavorative, organizzative, relazionali, così da avvertire in maniera profonda il senso vero di comunità.

Ospedale S. Carlo Potenza

Noi, come realtà associative ancorate al territorio, abbiamo sentito la spinta a non tirarci indietro e a cercare di contribuire, con le nostre possibilità e con l’aiuto di chi ci segue con attenzione, a sostenere gli sforzi di chi lotta in prima linea. A tutti i dirigenti dell’Ospedale San Carlo, al personale medico, agli operatori sanitari, il nostro grazie per l’impegno profuso.

A tutti i pazienti che stanno affrontando momenti difficili e di sconforto e dolore, l’augurio di una pronta guarigione.

A tutti noi, cittadini di questa meravigliosa terra, l’augurio di non arrendersi mai e di poter quanto prima tornare a guardare con fiducia al futuro”.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi