Comunicare scrivendo

Scrivere… è forse un mestiere? Sì! Basta chinare lo sguardo sulle offerte di lavoro. Si cercano dei redattori, dei giornalisti interni, degli addetti stampa che diano prova di brillanti qualità redazionali, delle persone capaci di saper cogliere, formulare e trasmettere delle informazioni all’interno e all’esterno delle imprese.

Ernesto Calluori

La professione non è ancora ben definita, non ha un nome preciso, ma ha mille e più definizioni. La comunicazione è ormai diventata un fattore di estrema importanza. Qualunque sia il loro campo di attività, quasi tutte le imprese dispongono di un personale qualificato la cui funzione è basata sulla comunicazione. Molti organi pubblici (ministeri, enti locali, società di trasporti pubblici ecc.) adottano lo stesso metro.

La comunicazione è una necessità di ogni organizzazione che sia rivolta al suo interno o al suo esterno per puntare sia sull’efficacia dell’impresa che sulla sua identità. Gli organi pubblici, mettono l’accento sulla conoscenza dei bisogni dell’utente e la buona funzionalità del servizio. In campo politico, si ricorre alle stesse tecniche e alle stesse competenze del settore commerciale. Inoltre, vi sono certe organizzazioni che svolgono la loro attività specifica nel settore dell’informazione e della comunicazione.

La loro materia prima è l’informazione allo stato puro, il loro prodotto finito la comunicazione. Applicata ai campi più svariati, la comunicazione può assumere forme molteplici: diretta o indiretta, orale o scritta, stampata o audiovisiva.

Conoscere le funzioni della comunicazione consente di dar libero sfogo alla creatività sia nell’ambito del testo scritto che in tutti gli ambiti della comunicazione. Per imparare ad analizzarli dobbiamo abituarci a ricercarli in tutti i testi che ci capita di leggere. Il bisogno di comunicare è un’esigenza universalmente riconosciuta tant’è d’averla adottata (chiedo venia se mi cito) in una personale raccolta di scritti e di lettura in cui ciascuno è a sua volta lettore e redattore, titolata “Comunico per fermare il tempo”.

 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi