L’Esperienza del Malato (La Parrocchia anno IV nr 6)

Sapere di essere affetti da una malattia genetica rara degenerativa lascia perplessi.


Nel momento in cui ne siamo venuti a conoscenza non eravamo nella condizione attuale, aveva pochissimi sintomi ma era autonoma. Col passare del tempo questa malattia si è sviluppata in tutte le sue problematiche: deambulazione, vista e tutto ciò che riguarda qualsiasi movimento. Ciò che ci ha aiutato e ci aiuta tutt’ora è la fede e la preghiera.

 

 

Spesso ho avuto paura di restare sola, e ne ho tutt’ora. La domanda più frequente che pongo a mio marito è: <<E se tu mi dovessi lasciare?>>. La risposta è sempre la stessa:<<MAI! !!>>.
Infatti, il giorno in cui ci siamo sposati, davanti a DIO abbiamo pronunciato queste parole “Prometto di esserti fedele sempre, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia…”.

 

Purtroppo, la malattia peggiora ogni giorno che passa, ma la risposta che ricevo è sempre la stessa <<Una promessa è una promessa>>. Passata la salute è il momento della malattia sempre nella speranza che il Signore, la Madonna e i Santi tutti ci aiutino in questo percorso travagliato dal dolore e dalla sofferenza, ma in cuor nostro sempre pieno d’amore.

N.B.: chi è impossibilitato a reperire il cartaceo oppure desidera scaricare il giornale “La Parrocchia” basta cliccare sul link a seguire.

La Parrocchia Anno IV nr. 6

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi