Epidemia da Covid 19

L’epidemia da Covid-19 suscita molti interrogativi, di diversa natura: medico-scientifici, sociali, economici, giuridici.

Si tratta di un evento di gravità eccezionale, che ha colpito ciascuno di noi e la collettività di cui siamo parte. Un vero attacco da evocare dinamiche da tempi di guerra che prendevano forma a spiegamento di imponenti difese, a decisioni straordinarie, fino alla sospensione dei diritti fondamentali. Sono reazioni che rendono evidente come la pandemia sollevi altrettanto domande sul funzionamento dei sistemi democratici moderni, così come sulla loro idoneità a dare risposta a nuove esigenze di protezione di cittadini.

Ernesto Calluori

Si pensi al tema delle frontiere, simile allo scenario già vissuto nel corso della prima ondata in cui le singole Regioni hanno invocato, o subìto la chiusura dei loro confini. Altrove, in cui le democrazie sono più fragili, la crisi sanitaria è stata di pretesto per l’assunzione di prerogative straordinarie da parte di alcuni che si sono fatti consegnare un potere senza limiti. Oggi, la collegialità del Governo sembra aver ceduto il passo a un più efficace accentramento di potere dopo gli eccessi dell’estate che ci hanno consegnato un Covid fuori controllo.

La pandemia comporterà costi enormi, non solo umani ma anche economici. Ciò determinerà un gran bisogno di risorse, per proteggere e sostenere chi è stato più duramente colpito. Risulta evidente, fin da adesso, che il prelievo fiscale sarà uno strumento decisivo per costruire soluzioni e risposte. La situazione che stiamo vivendo da un punto di vista sanitario è molto seria. Giorno dopo giorno, alla preoccupazione di ammalarsi, si somma il problema non facile di comprendere le ordinanze, i decreti del Pres. del Consiglio (Dpcm), quelle del pres. della Regione alle quali si aggiungono gli ulteriori divieti imposti dai Sindaci. Il momento è difficile. Nessuna opzione sarà accettata, una volta superata l’ora buia, se non si rimetteranno al centro le regole dello Stato di diritto.        

 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi