Se non vuoi studiare vai a lavorare oppure studia e potrai lavorare

Così recitava il messaggio inviatomi da mio nipote Christian che mi proponeva un punto di riflessione su questa frase ascoltata di recente, che faccio mia.

Ernesto Calluori

Erano le parole che i nostri genitori ripetevano come un mantra, tant’è che ancora oggi mi piace evocarne quel suggerimento che mi giungeva in età adolescenziale che ho colto consapevolmente. D’altronde, senza una istruzione superiore il percorso verso alcune professioni è chiuso. I giovani tra i 15 e i 29 anni che non studiano, non lavorano. Il decreto che vara il piano strategico per i giovani inattivi è stato appena firmato e sarà reso operativo a breve, per un inserimento nel mercato del lavoro, coinvolgendo i ragazzi scoraggiati dalla pandemia. Non trovare lavoro a 20 anni è un dramma, perderlo a 50 una tragedia! Il lavoro povero in Italia è persistente : chi ha retribuzioni basse che rischiano di farlo scivolare sotto la soglia di povertà tende a continuare ad averle. In tal caso, il cerchio si chiude per le ragioni di cui sopra. Nel suo messaggio di fine anno, il presidente Mattarella citando la lettera del prof. di filosofia di Ragusa scomparso drammaticamente, ha invitato i giovani, con un’espressione forte, a cercare di mordere la vita. Ma dinanzi a quello che vediamo succedere, la gioventù di questo tempo accoglierà quell’invito?

Astrologi medievale e Geometri al lavoro

Indubbiamente, il mondo del lavoro sta conoscendo una crisi epocale senza precedenti. Aristotele sosteneva che lo studio è la migliore previdenza per la vecchiaia“. Le generazioni, solitamente, rappresentano una unità di misura legata alla esistenza non alla vita del singolo, ma a quella della società con cui a volte nella contemporaneità ci si misura per riuscire ad emergere. L’esperienza lavorativa, attraverso gli studi conseguiti, permette un percorso di sicuro interesse e di sviluppare conoscenze complesse legate al proprio settore in cui si è chiamato ad operare. La mia scarna riflessione finisce qui, sperando, al tempo stesso, di essere stato esaustivo all’invito citato in apertura.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi