O’ puorco senza macchia (poesia in dialetto napoletano)

O’ puorco senza macchia

Antonio Giulio Covino

Nu juorno m’alzai de bon’ora

E invece de i’ a lavoro,

pigliai o’ bastone e a mappata

cu nu tuozz’e pane cuà frittata.

 

E m’avviai p’a via do mercato

p’accattà nu purciello già castrato,

giusto pe’ccomod’e famiglia:

pe nu saciccio è sempre parapiglia.

“Masculo o femmena che nun sia racchia”

Diceva a mugliera” .. e che sia senza macchia”

Di razza, di buona razza

E nunn’adda tremmà si ved’a mazza”.

 

Mmiezz’a ttutta quella gente,

na vera baraonda, nun se capiva niente.

Guard’a sinistra, a centro e a destra,

ma niente fronne p’a menestra!

 

Chi proprie ‘ngape teneva na macchia;

chi tenev’o niro aret’a na recchia;

Chi era grigio e tremmava sulo sulo

E chi a macchia a teneva proprio ‘ng..o.

 

Nu mercante me ‘nsegna c’o dito:

“Pigliate chillo ca è proprio pulito,

nun te fa troppa ‘nzogna,

mangia poco e nun te fa rogna.

 

M’avvicino, guardo sott’a pancetta

E vedo ca e tutta… na macchietta.

E fra me e me: “Che noia che barba

Niscun purciello me garba !”

A. G. Covino

E pensai.. e pensai!

“qua quello ca ce vo nun se trova mai”.

Ormai s’è capit’a sunata

O purciello o trovo si cagno mercato.

Antongiulio Covino 28.01.2022

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi