Don Camillo resterà eternamente tra noi

All’età di novant’anni compiuti don Camillo Perrone è tornato alla casa del Padre e degli Angeli, che certamente lo hanno accolto nella gloria del Paradiso. La sua umiltà e il suo amore per il prossimo erano immensi: onesto e silenzioso, non incuteva alcuna soggezione alle persone che incontrava, relazionandosi con la massima educazione e riservatezza.

don Camillo Perrone

Pochi giorni prima della sua dipartita, consapevole di essere alla fine della sua vita, ha chiesto di incontrare me insieme ad Antonio Amatucci e Giuseppe Di Giacomo. Ci ha salutato con il suo dolce sorriso, trascorrendo quel breve tempo a parlare di cultura, nonostante i dolori delle piaghe. Mentre parlava con noi, seduto sul divano, lentamente scivolava verso il basso e mi invitava a rialzarlo dicendomi: “Fai piano!” Volevamo restare con lui poco tempo per non stancarlo, ma lui ci incoraggiava ripetendo: “Dovete restare assai, assai”. La nostra compagnia lo riempiva di gioia. In quel breve e piacevole incontro, don Camillo era l’uomo più felice del mondo, per lui gli amici contavano più di tutto.

Era il prete dei giovani, dei ragazzi, delle persone anziane e soprattutto degli ammalati, che visitava ogni giorno, dando loro conforto con le sue rassicuranti parole. La sua prestigiosa figura manca tanto ai Sanseverinesi e ai suoi tanti amici. Il suo ricordo resterà eternamente in noi. Quando vado a San Severino, lo immagino seduto tra la gente sulle panchine accanto alla Chiesa o immagino di incontrarlo lungo il corso, che negli ultimi anni percorreva a passo lento per andare in Chiesa.

Don Camillo ha dedicato la sua vita agli altri, tutto quello che durante il suo Sacerdozio ha ricevuto dalla comunità, con umiltà e saggezza lo ha reso alla comunità.

In un terreno di sua proprietà e con l’acquisto di qualche altro appezzamento limitrofo, ha costruito il grande Centro Parrocchiale con sala convegni e la Casa Canonica.

Don Camillo in tutta la vita ha seguito le orme di Mons. Carmelo Fiordalisi, Parroco indimenticabile della comunità di Francavilla per quarant’anni, al quale era tanto affezionato e che affettuosamente lo chiamava:”Camilluccio”, poiché era più giovane. La comunità di San Severino e tutti noi amici ci dobbiamo adoperare per ricordare e rendere omaggio a questo Sacerdote, che è un grande modello per tutti.

Io credo che il miglior modo per onorare la sua memoria sia una pubblicazione dedicata alla sua persona.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi